lunedì, Dicembre 6, 2021
Home > Abruzzo > La cultura della bici vintage protagonista a Martinsicuro con “Bike Mon Amour”

La cultura della bici vintage protagonista a Martinsicuro con “Bike Mon Amour”

Sabato 4 e domenica 5 agosto piazza Cavour, nel cuore di Martinsicuro, ospiterà la manifestazione “Bike Mon Amour”, due serate dedicate alla cultura della bici vintage. La kermesse, organizzata dal Comune di Martinsicuro e curata da Maria Ragionieri e Alberto Iachini dell’Associazione Kronos Turismo Collettivo, sarà rivolta ai giorni della cultura della bici vintage e proporrà una serie di eventi che, dalle ore 18:00 alle 24:00, vedranno protagonista la bicicletta e la sua storia con mostre di bici d’epoca, con la premiazione della bici più bella, musica a tema, scuola di ciclismo “primi raggi” per ragazzi e bambini a cura dell’ASD Progetto Ciclismo Piceno che, con l’occiasione, presenterà i programmi didattici per l’anno futuro, mercatini e tanto altro.

Si tratta di un evento unico nel suo genere sul nostro territorio, una due giorni alla riscoperta della storia della bicicletta, del cosiddetto concetto di “pedalare vintage”, delle sue tradizioni e di quanto gira attorno a questo mondo un po’ retrò” sottolineano il Sindaco di Martinsicuro, Massimo Vagnoni, ed il Presidente del Consiglio Comunale, Emma Zarroli. “Come sottolineano gli appassionati “Pedalare vintage è condividere fatiche ed esperienze, sedersi a tavola e scambiarsi i racconti della corsa appena terminata. Senza l’ansia per il risultato pedalare diventa gioia e puro divertimento. A volte una sfida si, ma solo verso se stessi e gli obbiettivi che ci poniamo” e crediamo che, un evento di questo tipo, richiamerà a Martinsicuro appassionati da tutto il centro Italia”.

La due giorni di “Bike Mon Amour” sarà anche un valido momento di riflessione per parlare dell’importanza strategia del cicloturismo, dello sviluppo delle piste ciclopedonali che sono in via di definizione in Abruzzo con il percorso del “Bike to Coast” che collegherà Martinsicuro a San Salvo e sulla necessità di creare una serie di servizi turistici dedicati agli appassionati delle due ruote.

La bici rappresenta, oggi, un simbolo di libertà e di emancipazione, ma soprattutto uno strumento di aggregazione sociale – concludono gli Amministratori truentini – un modo diverso di “fare turismo” e, siamo certi, un’importante opportunità di sviluppo turistico-economico per il territorio. Invitiamo tutti a partecipare nel fine settimana alla due giorni in piazza Cavour”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net