domenica, Ottobre 17, 2021
Home > Italia > Quanti migranti lavorano in Italia. Le cifre aggiornate a luglio 2018

Quanti migranti lavorano in Italia. Le cifre aggiornate a luglio 2018

< img src="https://www.la-notizia.net/elpidio" alt="elpidio"

I migranti in Italia sono quasi tutti senza lavoro e per forza dediti a espedienti illegali per sopravvivere? Da una ricerca di Eurostat sembra che le cose non stiano così. E questo sia nel nostro paese che in Europa. In base a stime aggiornate al 5 luglio 2018, in Italia i migranti tra i 20 e i 64 anni, nati nel nostro paese hanno un tasso di occupazione del 62,2% del totale dei presenti su suolo nazionale. Per quelli provenienti dai paesi che non fanno parte dell’Unione Europea il tasso è simile, 62,1%. Mentre per quelli nati nei confini dei 28 paesi dell’UE il tasso di occupazione è del 64%. Quella dell’Italia è una delle percentuali più bassi nei paesi dell’UE. In Europa è migliore tanto che quest’ultima situazione mostra un 75% di migranti che hanno qualche forma di lavoro. Al top il Regno Unito dove oltre l’83% lavora. Fanalino di coda è la Grecia dove hanno un’occupazione solo il 56,1%. Tra gli altri grandi paesi va segnalato il 70,2% della Francia, il 79,4% della Germania. Più basso quello della Spagna, dove chi lavora è il 66,5% dei migranti.

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net