lunedì, Ottobre 26, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > “Ascolta il suono del silenzio”, concerto di musica contemporanea Porto San Giorgio

“Ascolta il suono del silenzio”, concerto di musica contemporanea Porto San Giorgio

PORTO SAN GIORGIO – Dopo il fortunato esperimento dello scorso anno, torna mercoledì 15 agosto l’evento “Ascolta il suono del silenzio” (ore 21.30, ingresso libero). E’ nato dalla collaborazione del Festival Musicale Piceno con l’Amministrazione comunale. Nell’inusuale cornice del mercato ittico, al porto peschereccio, il concerto dedicato alla musica il celebrato “Concerto di Colonia” di Keith Jarrett sarà eseguito dal pianista Fausto Bongelli, specialista riconosciuto nel repertorio contemporaneo.

Nel 1973, a Brema e Losanna, Keith Jarrett iniziò a sperimentare una formula nella quale affrontava il concerto senza l’ausilio degli standard, in una specie di improvvisazione totale che faceva leva non solo sulla sua esperienza nel jazz ma anche sulla sua solida preparazione classica che lo porterà ad incidere pagine di Bach, Händel, Mozart, Shostakovich e Harrison. “Non ho nemmeno un seme quando comincio: è come partire da zero”, ha dichiarato Jarrett. Il 24 gennaio del 1975 tenne un concerto all’Opera Haus di Colonia di Colonia che ebbe una risonanza straordinaria. L’improvvisazione, della durata di poco più di un’ora, fu registrata e pubblicata dal fondatore della casa discografica Ecm Manfred Eicher e risulta il disco per piano solo più venduto nella storia della discografia con più di cinque milioni di copie. Nel 1991 la casa musicale Schott’s pubblicò lo spartito a cura di Kishimani e Yamashita che trascrissero tutto il concerto che così divenne oggetto interpretativo. La musica, che inizialmente sconcertò gli amanti del jazz per l’impossibilità di essere catalogata, è un viaggio attraverso la memoria musicale di Jarrett: dalll’innodia al blues ed al gospel, dalla polifonia di Bach alle armonie di Schostacovich, dagli incisi di Gurdjeff alle formule di Hovhaness, dagli ostinati al lirismo espressivo di frasi che sintetizzano la visione globale, oltre i confini e gli steccati dei “generi”, del pianista americano. The Köln Concert è la chiave del suo pianismo improvvisativo e di come in esso l’esperienza “classica” sia messa al servizio del gospel, del rag e del jazz tutto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *