martedì, Aprile 20, 2021
Home > Italia > Forza Nuova: “Mai più ponti in mano ai privati”

Forza Nuova: “Mai più ponti in mano ai privati”

< img src="https://www.la-notizia.net/forza-nuova" alt="forza nuova"
All’indomani della tragedia del ponte crollato a Genova, Roberto Fiore, Segretario Nazionale di Forza Nuova, tuona attraverso la propria pagina Facebook: “Mai più ponti in mano ai privati”. “La storia di Benetton  – scrive – è una storia di grande successo economico in un settore che non dovrebbe essere privato: le autostrade. Atlantia (30% Benetton) incrementa del 50% i suoi profitti aumentando le tariffe e diminuendo i costi di riparazione. Con questi profitti quest’estate lancia un’opa da 16 miliardi per l’acquisto di autostrade spagnole. È la storia di un capitalismo che fallisce nel suo settore primario (marchio Benetton) e si dedica al più fruttuoso capitalismo senza concorrenza, quello che ti può venire solo da uno Stato in bancarotta politico morale”.

E aggiunge: “È sufficiente confrontare il tratto di autostrada ligure con il corrispondente tratto di autostrade della Costa Azzurra francese, per vedere come funziona uno Stato senza grillini (che fautori della decrescita felice, aliena alla modernizzazione, sono corresponsabili del disastro) e senza rapine da capitalismo truffaldino.
Dopo la tragedia genovese, lo Stato deve togliere dalle mani di Benetton le autostrade e imporre un risarcimento di un miliardo che consenta – il ripristino del ponte con materiale idoneo e ingegneria di tradizione italiana – l’organizzazione immediata di trasporti eccezionali che consentano alla città di sopravvivere – e un fondo sociale che leni le ferite che questo disastro ha inferto ai genovesi”. “Lo Stato  – conclude – deve tornare a essere Stato. Mai più Sanità mai più ponti, mai più strade in mano ai privati. Servizi pubblici ed essenziali in mano al popolo e allo Stato che lo rappresenta”.

Alle 11,36 di ieri entrambe le carreggiate del ponte Morandi sono precipitate per duecento metri mentre stavano transitando tra i 30 e 35 veicoli. Tra le vittime, finora 39 quelle accertate, un bambino di 8 anni e due adolescenti di 12 e 13 anni. Infuria la polemica sulla manutenzione del viadotto, considerato a rischio da anni. Una tragedia immane, che secondo Forza Nuova ha responsabilità ben chiare e precise.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *