mercoledì, Dicembre 8, 2021
Home > Abruzzo > CAS Montorio, Pentastellati: “Terremotati in difficoltà, l’amministrazione provveda”

CAS Montorio, Pentastellati: “Terremotati in difficoltà, l’amministrazione provveda”

candidati sindaci

Riceviamo e pubblichiamo.

“I Pentastellati di Montorio al Vomano segnalano la situazione di difficoltà cui sono vittima, a Montorio al Vomano, i cittadini “terremotati” fruitori del CAS, i quali da ben sei mesi ( ultima rata evasa – marzo 2018 ) non ricevono il contributo di autonoma sistemazione.

Il Contributo di Autonoma Sistemazione ( CAS ), istituito ex ordinanza di Protezione Civile nr. 388 del 2016, è una misura destinata alle famiglie e al singolo cittadino la cui abitazione risulta essere inagibile o è stata sgomberata in seguito ai terremoti che hanno colpito l’Italia centrale.

Tecnicamente, il cittadino “terremotato” può trovare in modo autonomo una sistemazione abitativa ( in locazione o comodato ), sostitutiva della casa inagibile, e ottenere il Contributo di Autonoma Sistemazione a compensazione dei canoni di locazione e del costo delle utenze.

Provvede all’erogazione del CAS il COR Regionale, sulla base dei dati forniti dai comuni e relativi ai beneficiari presenti sul loro territorio.

Nel corso dello scorso mese di giugno, tuttavia, lo stesso Centro operativo regionale chiedeva alle amministrazioni comunali di riordinare e provvedere ad una verifica dei dati dei fruitori del CAS e tale richiesta diventava presupposto di erogazione degli importi relativi al contributo.

Ad oggi, il Comune di Montorio al Vomano, secondo dati reperiti presso il locale COC ( Centro operativo comunale ) ha provveduto a “riordinare” solo il 50% dei dati e, pertanto, siamo ancora ben lontani dalla soglia necessaria all’erogazione delle somme che dovranno essere, successivamente, liquidate ai cittadini.

La situazione sta mettendo in enorme difficoltà i “terremotati” con famiglia monoreddito e i pensionati costretti ad anticipare notevoli somme ( che si aggirano sui 4.000 o 5.000 euro circa ) di cui spesso non hanno disponilità.

Nonostante il danno, in capo ai cittadini, sia stato già abbondantemente prodotto, auspichiamo che l’amministrazione comunale di Montorio al Vomano provveda velocemente al riordino e all’invio dei dati richiesti dal COR e che entro la prima metà di settembre vengano liquidate tutte le somme inevase ( aprile, maggio, giugno, luglio e agosto ) e non solo “uno o due mensilità”, come prospettato dagli uffici comunali”.

PENTASTELLATI MONTORIO AL VOMANO

Il Portavoce ( Massimo Di Francesco )