sabato, Gennaio 16, 2021
Home > Abruzzo > Appalto rifiuti, i Pentastellati Montorio al Vomano: “Tutelare i lavoratori uscenti”

Appalto rifiuti, i Pentastellati Montorio al Vomano: “Tutelare i lavoratori uscenti”

< img src="https://www.la-notizia.net/montorio" alt="montorio"

Riceviamo e pubblichiamo dai Pentastellati Montorio al Vomano: “Con una delibera di consiglio, l’amministrazione comunale ha scelto, quale linea di indirizzo, di affidare al MO.TE. Il servizio di raccolta rifiuti attraverso una procedura “in house providing” ( senza bando di gara ad evidenza pubblica ).Oltre che la razionalizzazione del servizio, l’abbattimento delle tariffe e il perseguimento degli obiettivi già tracciati di “rifiuti zero”, il gruppo Pentastellati Montorio al Vomano chiede la tutela e stabilizzazione dei posti di lavoro locali a rischio con il cambio di gestione.
L’art.50 del codice degli appalti prevede la possibilità di apporre, in sede di affidamento, la cd. “clausola sociale” allo scopo di garantire la continuità e stabilità, in sede di rinnovo degli affidamenti, dei contratti di lavoro in essere.
Il TAR Toscana, tuttavia, chiarisce che questa clausola può essere negoziata tra le parti ma non imposta in modo “troppo invasivo” e tale da ledere il principio di libera iniziativa economica e libera concorrenza.
È legittima, tuttavia, la richiesta della stazione appaltante di prevedere, in sede di affidamento una “priorità” di assunzione del personale uscente rispetto a qualsiasi altro nuovo contratto di lavoro.
Nello specifico dell’affidamento “in house”, in cui si opera affidamento diretto senza bando di gara, sarà compito dell’amministrazione comunale “contrattare” la tutela dei lavoratori locali direttamente con il MO.TE. ( presunto nuovo affidatario del servizio rifiuti)”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *