lunedì, Dicembre 6, 2021
Home > Marche > Si è spento Rolando Garbuglia, ex sindaco di Recanati: il ricordo

Si è spento Rolando Garbuglia, ex sindaco di Recanati: il ricordo

< img src="https://www.la-notizia.net/garbuglia" alt="garbuglia"

di Maurizio Verdenelli

Ricordo con grande simpatia  Rolando Garbuglia, sindaco di Recanati negli anni in cui la Dc foschiana stava improvvisamente declinando proprio nel momento della sua massima potenza (Franco ministro del Lavoro e il fratello Ferdinando, sindaco predecessore dello stesso Garbuglia). Il dottor Rolando, che in quei tempi sfoggiava invece della cravatta preferibilmente un farfallino, era elegante ed abilissimo ad evitare tutti i trabocchetti di un’opposizione dura e compatta (ricordo la capogruppo del Pci, Paola Conti) in quelle ore rese drammaticamente bollenti per la Dc recanatese dopo il caso P2 (in cui fini coinvolto Franco Foschi) e il crac della cooperativa edilizia Le Grazie (di cui Ferdinando era presidente). Era nocchiere di una nave in gran tempesta, il dottor Garbuglia, foschiano di ferro.E fu abilissimo. Giocando anche la carta culturale. Ed era ovvio essendo lui legato per professione al mondo universitario. Lo ricordo alla guida di un’autentica missione che a Nari (o Napoli) riusci ad un’asta a battere la nutrita concorrenza acquisendo il bellissimo ritratto di Giacomo Leopardi opera dell’importante artista partenopeo Domenico Morelli. E in difesa dell’immagine leopardiana, insieme con l’ex sindaco Luigi Flamini, aveva chiesto ed ottenuto le scuse ufficiali, tramite un’intervista redatta da chi scrive sul Messaggero, da Carlo Verdone. Che in prima serata su Rai1 per bocca del “perbenista’  (uno dei personaggi più riusciti da parte del famoso attore/regista) aveva, come dire, alluso circa la vita privata di Colui che Mario Nartone con felice intuizione  avrebbe cinematograficamente appellato IL GIOVANE FAVOLOSO.

In ogni caso, Garbuglia se la cavo’ sempre portando a termine il suo mandato, fatto non del tutto scontato in quegli anni cosi’ tempestosi per Recanati..e l ‘ Italia. Poi come Cincinnato torno’ alla ‘sua’ Unimc. Ci rivedemmo una sola volta dopo tanti anni, qualche mese fa: un saluto ed un sorriso d’intesa per la prima volta tra il cronista (che ero stato, al solito senza concessioni) e il sindaco-nocchiero ‘in gran tempesta’. Si è spento, all’età di 71 anni, presso l’ospedale di Civitanova Marche.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net