lunedì, Gennaio 25, 2021
Home > Marche > Musei: Daniela Tisi, una fermana alla guida della commissione del Mibac per fare rete con i sistemi territoriali

Musei: Daniela Tisi, una fermana alla guida della commissione del Mibac per fare rete con i sistemi territoriali

< img src="https://www.la-notizia.net/daniela-tisi" alt="daniela tisi"

di Maurizio Verdenelli

Una commissione interna al Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac) si occuperà d’ora in avanti di studiare possibili forme di gestione del patrimonio culturale attraverso la sinergia di reti museali e sistemi territoriali. Il fine ultimo della Commissione RST (questo l’acronimo) istituita dal ministro Bonisoli, è quella di indicare le linee guida per sviluppare tutte le possibili strategie di cooperazione tra le istituzioni pubbliche, private e le realtà produttive locali puntando all’incremento della fruibilità dei siti culturali italiani. Elemento cardine sarà al fine di coinvolgere tutti i soggetti possibili, la cosidetta ‘progettazione partecipata’ . Verranno incoraggiate anche forme di partenariato per una rete che interconnetta i luoghi di interesse culturale, nel contempo valorizzando i siti meno noti. La commissione avrà a disposizione un anno intero per formulare proposte.

Alla guida della commissione, la marchigiana di Fermo, Daniela Tisi, collaboratrice del ministro. Con lei Antonio Lampis, direttore generale Musei; Manuel Guido già dirigente Mibac; Ilaria Cavo, assessore regionale alla Cultura della Liguria; Tiziana Maffei, presidente Icom Italia; Francesca Leon, assessore alla Cultura di Torino e Virginia Villa, esperta. Un altro prestigioso incarico, dunque, per l’ex direttrice della rassegna ‘Capolavori Sibillini’ che ad Osimo (palazzo Campana, subito dopo la mostra Cavallini-Sgarbi) ha portato in salvo grandi opere della rete museale fermana-maceratese-ascolana, devastata letteralmente dal terremoto del Centritalia. Per iniziativa della dottoressa Tisi, le opere dopo molti mesi (con corposa proroga) di esposizione osimana, perdurando l’inagibilità dei musei dai quali provengono, sono state alfine trasportate a Milano e custodite in ben attrezzati saloni per la fruizione del pubblico che, da parte sua, ha risposto molto positivamente all’iniziativa.

Sulla commissione costituita dal ministro, dichiara la presidente Daniela Tisi: “Si tratta di una grande squadra, con cui avrò l’onore di lavorare. Professionisti di alto profili che credono fortemente in questa visione di innovativa gestione culturale che parte dall’ascolto dei territori e che su di essa fonda le proprie linee programmatiche e di intervento. Una delle caratteristiche del nostro patrimonio culturale è quella di essere un museo a cielo aperto da tutelare e valorizzare in una logica di sistema, perché anche i contesti più periferici diventino poli di attrazione ed interesse internazionale nonché generatori di nuove forme occupazionali”.

Per le Marche e il Centritalia del post sisma, dottoressa Tisi?

E’ una buona opportunità per i territori ed anche per le Marche. Il centro Italia ha tesori d’arte inestimabili: dalla loro conservazione e valorizzazione si può ripartire per una vera ricostruzione post terremoto”.

Qualche idea per incentivare l’accesso ai musei e ai siti?

Pensiamo a ‘Musei card’ ed altre iniziative: la cultura deve essere fruita, deve ritornare ad essere nel Dna di questo Paese che conserva le tracce del passato in modo tanto forte”

La dottoressa Tisi è stata tra le relatrici il 24 agosto a due anni dalle prime scosse, con parlamentari, amministratori regionali, comunali ad un forum organizzato dal comune di Muccia e da chi scrive…

Ho un ottimo ricordo di quell’incontro, al ‘Beato Rizzerio’, molto partecipato cui portai il saluto del ministro Bonisoli. Emerse compatta la volontà espressa di voltare pagina, di cambiare passo, e tagliare molto inutile burocrazia al fine di far ritornare a vivere le aree colpite così drammaticamente. Un messaggio che la commissione del ministero dei beni culturali intende far propria creando una rete attiva sul piano economico con i sistemi territoriali”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *