martedì, Aprile 13, 2021
Home > Italia > Debito italiano declassato: il Paese a un passo dal baratro o al giro di boa?

Debito italiano declassato: il Paese a un passo dal baratro o al giro di boa?

Dopo la notizia dell’avvenuto declassamento del debito italiano da parte della importante agenzia di rating statunitense Moody’s che ha tagliato la valutazione dell’Italia da Baa2 con previsioni negative a Baa3 con previsioni stabili (ad un solo gradino al di sopra del livello dei “junk bond” ovvero delle obbligazioni spazzatura) la situazione della finanza pubblica dopo la spericolata manovra con deficit al 2,4% del PIL approvata dal nuovo governo giallo-verde appare se possibilie ancora più delicata.

Anche se ovviamente il disastro dell’enorme debito pubblico accumulato dall’italia negli ultimi 70 anni non può esser addebitato a formazioni politiche da poco giunte al potere, si impone una riflessione sulla cosiddetta “manovra del popolo” che, prevedendo una valanga di spesa pubblica assistenziale, aggrava ancor più i conti già precari del Paese.

Al netto delle valutazioni sulle scelte di maggiore spesa adottate dal nuovo DEF, e delle vibranti polemiche succedutesi con la Commissione Europea che ha severamente bocciato la manovra, giunte anche agli insulti, la resa dei conti arriverà lunedì mattina alla riapertura dei mercati finanziari.

Assisteremo ad una ulteriore impennata dello spread con conseguente aumento degli interessi dovuti dall’Italia sul debito sovrano a spese dei contribuenti, dovuta allo scivolamento del Paese sull’orlo del baratro, oppure i mercati avranno già scontato l’atteso declassamento e potrebbe materializzarsi il tanto atteso rimbalzo verso quotazioni meno negative, derivanti dalla sensazione che il peggio potrebbe essere dietro le spalle?

Staremo a vedere, ma da chi – come il nostro giornale – si guarda con simpatia al nuovo governo è necessario far giungere un suggerimento urgente a Palazzo Chigi: un Paese che spreme come limoni i propri contribuenti incassando 810 miliardi di Euro l’anno da cittadini e imprese, e non riuscendo comunque a sostenere la valanga di 850 miliardi di Euro annui di spesa pubblica – largamente improduttiva e assistenziale – prima di aggiungere un solo centesimo al mare di spese ed elargizioni a carico del bilancio statale in uno scenario da autentico assalto alla diligenza si fermi a riflettere.

Sarebbe sufficiente tagliare di appena il 5% l’enorme spesa pubblica per giungere non solo al pareggio di bilancio previsto in Costituzione ma addirittura ad un piccolo avanzo che possa iniziare ad abbattere l’enorme massa del debito pubblico che pesa come un macigno sui settori produttivi della nostra economia.

Ed in quale famiglia super indebitata prima di spendere un solo Euro in più non si provvede prima a tagliare sprechi e costi superflui?

Il tempo stringe ed una profonda riflessione si impone, prima di trascinare l’Italia nel baratro.

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *