domenica, Aprile 11, 2021
Home > Marche > Porto San Giorgio, Tarsu: replica ai consiglieri d’opposizione. “L’Amministrazione chiede i soldi agli evasori”

Porto San Giorgio, Tarsu: replica ai consiglieri d’opposizione. “L’Amministrazione chiede i soldi agli evasori”

< img src="https://www.la-notizia.net/banca" alt="banca"

Pretestuose e infondate sono le polemiche sollevate dai consiglieri d’opposizione sulla presunta prescrizione per la notifica degli avvisi di accertamento relativi alla Tarsu 2012.

L’Amministrazione comunale intende precisare che il pagamento viene richiesto a coloro che non hanno mai denunciato l’occupazione di un immobile.

Gli avvisi di accertamento relativi alla tassa rifiuti solidi urbani dell’anno 2012 sono stati emessi sulla base del comma 161 dell’articolo unico della legge 296/2006 (Finanziaria 2007) che recita: “Gli avvisi di accertamento in rettifica e d’ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati. Entro gli stessi termini devono essere contestate o irrogate le sanzioni amministrative tributarie.

Gli avvisi in questione contestano omesse dichiarazioni e poiché la scadenza per la presentazione della dichiarazione Tarsu per il 2012 era fissata per legge al 20 gennaio successivo all’inizio dell’occupazione (quindi per le occupazioni iniziate nel 2012 il termine era il 20 gennaio 2013) il termine di decadenza per la notifica dell’avviso di accertamento scade il 31 dicembre 2018. La normativa è correttamente richiamata anche nel testo dell’avviso ricevuto dal contribuente.

Sostenere il contrario significa giustificare comportamenti evasivi di quei cittadini che hanno nascosto le loro proprietà all’Anagrafe tributaria facendo mancare risorse alla città e aumentando la tassa di coloro che pagano correttamente”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *