domenica, Gennaio 24, 2021
Home > Abruzzo > ZES: LOLLI E DI PANGRAZIO, NUOVE OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE

ZES: LOLLI E DI PANGRAZIO, NUOVE OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE

“Le Zes non rappresentano elargizioni di risorse ma con esse i progetti, specie quelli di nuovo investimento, avranno procedure molto più snelle e facilitate. Le imprese potranno sfruttare importanti agevolazioni fiscali e beneficiare di rilevanti semplificazioni di carattere amministrativo e burocratico. Un’opportunità di sviluppo per l’Abruzzo intero”. Così il Presidente vicario, Giovanni Lolli, ha presentato oggi in conferenza stampa, insieme al presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, le Zone Economiche Speciali (ZES), il cui scopo è quello di creare condizioni economiche, finanziarie e amministrative che consentano lo sviluppo delle imprese già operanti e l’insediamento di nuove. La Regione Abruzzo ha ipotizzato di delineare la propria ZES valorizzando ulteriormente quelle che sono le caratteristiche migliori del tessuto imprenditoriale che si è stratificato e consolidato nel tempo e, ove possibile, conferire una spinta ulteriore valorizzando i due porti principali della Regione che sono Ortona e Vasto e creando le condizioni per un nuovo sviluppo nelle zone retrostanti. “Bisognava fare una scelta coerente con lo spirito della legge- ha aggiunto Lolli – Abbiamo inserito Ortona e Vasto, due porti industriali e li abbiamo collegati ai nodi logistici costitutiti dall’interporto di Manoppello, di Avezzano, dagli autoporti di Roseto e San Salvo e dall’aereoporto di Pescara. Intorno a questo, nella logica del corridoio Adriatico e Tirreno-Adriatico, il tutto collegato attraverso le reti TNT, sono state individuate le aree a destinazione industriale nelle quali calare la Zes partendo da una macroarea che ricomprende i Comuni di Vasto, Ortona, San Salvo, Fossacesia, Atessa, Paieta, Cupello, Gissi, Monteodorisio, Mozzagrogna. Le altre aree strategiche sono Mosciano Sant’Angelo, Sulmona, Avezzano, Carsoli e Oricola. È importante che si dia continuità e piena attuazione a questo progetto, promuovendo la partecipazione e una pianificazione attenta per garantire possibilità di successo”. Le ZES sono previste dal DL 91/2017, il Decreto Mezzogiorno, convertito con legge 123/2017, tra le misure finalizzate a richiamare nuovi investimenti nel Mezzogiorno permettendo così alle attività economiche ed imprenditoriali già operative e quelle che si insedieranno di beneficiare di speciali condizioni, in relazione alla natura incrementale degli investimenti e delle attività di sviluppo d’impresa. La Regione Abruzzo propone l’istituzione della propria area ZES regionale in associazione con l’area portuale di Ancona. In seguito alla DRG/65 del 18 settembre 2018, è stato attivato un gruppo di lavoro interdipartimentale per il conseguimento di una proposta tecnica della ZES che oggi è stata ufficialmente resa pubblica in conferenza stampa per favorire la più ampia partecipazione dei soggetti interessati. Nei prossimi giorni si terrà un confronto al fine di arrivare ad una proposta possibile e condivisa per la realizzazione della Zona economica speciale della Regione Abruzzo attraverso il Piano di sviluppo strategico da presentare alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Il documento completo della “Proposta di individuazione di una Zona Economica Speciale in regione Abruzzo”, unitamente a tutti gli atti correlati è scaricabile dal portale della Regione Abruzzo al seguente link: http://www.regione.abruzzo.it/lavoro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *