domenica, Aprile 18, 2021
Home > Lazio > Latina, operazione di sgombero della Questura. Ripristinata la legalità al Colosseo

Latina, operazione di sgombero della Questura. Ripristinata la legalità al Colosseo

< img src="https://www.la-notizia.net/questura" alt="questura"

4 le abitazioni dell’Inps liberate da spacciatori e pregiudicati

La Polizia di Stato – Questura di Latina  nella mattinata odierna, ha eseguito le operazioni di sgombero e restituzione al legittimo proprietario di nr. 14 immobili ubicati nel capoluogo in via Bruxelles, nel complesso residenziale noto come “Colosseo” di proprietà dell’INPS.

Tale attività di contrasto al fenomeno delle occupazioni abusive di immobili, è stata decisa in  Prefettura in sede di Comitato per l’Ordine e Sicurezza Pubblica, così come recentemente sollecitato dalle direttive del Ministero dell’Interno, mirate al ripristino della legalità e al recupero delle aree degradate dei centri urbani.

Le operazioni si sono svolte in sinergia con altre forze di Polizia, Polizia Locale, Arma dei Carabinieri, Vigili del Fuoco e Servizi Sociali del Comune, presso l’enorme costruzione edilizia  composta da 14 scale (dalla A alla P) alta otto piani, di cui,  il primo e secondo piano, destinati ad uso ufficio, i restanti piani destinati ad uso abitativo.

Nel corso degli anni, buona parte degli stabili ad uso ufficio sono stati illegittimamente occupati da famiglie e/o da singoli individui, alcuni dei quali con precedenti penali e di polizia, che ne hanno altresì trasformato la conformazione interna, mediante lavori edilizi abusivi, al fine di renderli abitabili; alcune unità sono state trovate prive di occupanti.

In particolare sono stati eseguiti 14 sequestri da parte della P.G. operante, con il contestuale deferimento all’A.G. di nr. 10 persone.

In totale hanno lasciato gli stabili, 13 occupanti, tre dei quali minori: nessuno di essi ha fatto ricorso alle soluzioni di sostegno offerte dai Servizi Sociali del Comune di Latina, presenti sul posto.

Sono state recuperate sei bombole del gas, che venivano utilizzate all’interno degli uffici per uso cucina; sono stati altresì rilevati numerosi allacci di fortuna alla rete elettrica.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *