sabato, Gennaio 16, 2021
Home > Mondo > California, apocalisse di fuoco: evacuata Malibu. Almeno 9 vittime

California, apocalisse di fuoco: evacuata Malibu. Almeno 9 vittime

< img src="https://www.la-notizia.net/california" alt="california"

CALIFORNIA – Almeno nove persone sono morte in California a causa delle fiamme. Lo affermano le autorità, secondo quanto riportano i media americani. Tre sarebbero state trovate fuori dalle case e quattro  all’interno dei veicoli. Solo una delle nove persone morte nell’incendio è stata rinvenuta all’interno della propria abitazione. Un’altra vittima sarebbe stata invece individuata in prossimità di un veicolo ma all’esterno. Più di 2.200 pompieri sono impegnati a combattere le fiamme. Anche la Guardia Nazionale dello stato sta scendendo in campo, con l’invio di 100 truppe. Paradise, cittadina californiana con 27.000 abitanti, è stata quasi interamente distrutta. Le autorità dicono di aver condotto numerosi salvataggi mentre combattevano le fiamme, incluso l’uso di elicotteri per salvare cinque persone nella vicina comunità di Magalia. Trentacinque persone risulterebbero disperse.  Le strutture distrutte includono 6.453 case e 260 strutture commerciali.

Il presidente Donald Trump ha dichiarato lo stato di emergenza, per cui verranno forniti fondi federali per le contee di Butte, Ventura e Los Angeles. Per sfuggire alle fiamme, molti automobilisti sono rimasti bloccati nel traffico e hanno abbandonato i veicoli per andare a piedi. Testimoni hanno riferito di aver visto gran parte della comunità andare in fiamme, comprese case, supermercati, aziende, ristoranti, scuole.

Le autorità hanno ordinato l’evacuazione di Malibu, la rinomata località dei vip che si affaccia sull’oceano Pacifico. L’incendio divampato continua a crescere ed è imprevedibile, affermano le autorità. Dalle aeree interessate dai roghi circa 157 mila persone sono state costrette ad evacuare. Tutte le vittime sono state trovate nella cittadina di Paradise, evacuata a causa dell’incendio.

Le autorità hanno ricevuto segnalazioni di due morti nella città di Malibu, e l’ufficio del medico legale della contea di Los Angeles ha dichiarato che sta lavorando per confermare se sono collegati agli incendi. Alimentate da venti forti e dalla bassa umidità, le fiamme si sono diffuse rapidamente. La minaccia continuata, con milioni di californiani sotto avvertimento di “bandiera rossa”, che indica condizioni di vento arido e caldo che comporta rischi di incendio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *