sabato, Gennaio 16, 2021
Home > Italia > Berlusconi parla di “rischio dittatura” e Salvini: “Sciocchezze”

Berlusconi parla di “rischio dittatura” e Salvini: “Sciocchezze”

< img src="https://www.la-notizia.net/berlusconi" alt="berlusconi"
“Mi dispiace che Berlusconi usi le parole che di solito usano i Renzi le Boldrini e gli Juncker”, è la replica del vicepremier della Lega
“In Italia non c’è nessun rischio dittatura, semmai una velata dittatura fondata sulla paura, sulla precarietà, sulla mancanza di speranza e ce l’hanno consegnata i governi precedenti”. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, alla scuola di formazione politica della Lega a Milano, risponde così a Silvio Berlusconi, che ha auspicato di nuova una rottura tra il Carroccio e il Movimento 5 stelle.
“Io non mollo di un centimetro, saranno altri a mollare”, ha proseguito il vicepremier, “certe sciocchezze le lascerei dire ai burocrati di Bruxelles e ai frustrati di sinistra. Chi parla di rischio dittatura in Italia non ha ben presente che l’Italia sta bene, mi dispiace che Berlusconi usi le parole che di solito usano i Renzi le Boldrini e gli Juncker”. “Berlusconi le lasci dire ai burocrati di Bruxelles e ai nostalgici di sinistra queste esagerazioni”, sottolinea Salvini, l’Italia con la Lega al governo sarà sempre democratica e mai più serva di nessuno”.

Il Cav vuole che Salvini “torni a casa” e riunire il centrodestra

“Sento un’aria pesante, siamo tornati al 1994 con una grave situazione di pericolo. I grillini aggiungono al loro vetero-comunismo anche una smodata invidia sociale e una assoluta ignoranza e non conoscenza dell’amministrazione pubblica”, aveva detto ieri il Cav al congresso nazionale dei Giovani di Forza Italia a Roma.

“A nessuno – ha ribadito – verrebbe in mente di consegnare una azienda anche piccola a chi non la conoscesse, eppure è accaduto in Italia ed è cosi’ oggi. Questi signori mi preoccupano ancora di più per gli annunci che fanno, che vanno a toccare le libertà dei cittadini. Ma preoccupano ancora di più per quello che intendono fare nel futuro. Il riferimento è allo stato etico che sceglie al posto dei cittadini cosa è bene e cosa è male e ai cittadini lo impone”. “Questo – ha sottolineato – è la negazione della libertà e l’anticamera di una dittatura. È incredibile di come si diffondano le menzogne come sul reddito di cittadinanza. Hanno dichiarato che si abolirà la povertà. Dobbiamo mandare messaggi precisi alla Lega e a Salvini perché tornino a casa, questo governo contro natura non può continuare e la possibilità di porvi fine non è così remota. Dopo c’è la possibilità di un mandato al centro destra per andare in Parlamento a cercare una maggioranza, che io credo sia una ipotesi realista”

Enrico Bolzan
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *