domenica, Gennaio 24, 2021
Home > Italia > I dubbi di Matteo Salvini

I dubbi di Matteo Salvini

gasparri
Elezioni anticipate subito, sarebbe la scelta scontata per Salvini, se non fosse per l’incognita su Mattarella.

Favorito anche dal calo nei sondaggi che sta subendo il M5Stelle, per la inadeguatezza di molti suoi Ministri. A frenare la marcia trionfale del Capitano resta solo il generale inverno, con l’inevitabile diminuzione degli sbarchi. Ma sarà l’economia, nei prossimi mesi, a dettare l’agenda e non più l’emergenza immigrazione che ha tenuto così alta l’attenzione, facendo crescere a dismisura i consensi del leader leghista.

L’agenda economica è impietosa, con dati in costante peggioramento: si sono ridotti l’export, l’import, gli ordinativi e la produzione industriale. Inoltre, un documento riservato della BCE, circolato anche a Palazzo Chigi, al MEF e in Banca d’Italia, evidenzia che lo spread oltre i 500 punti per più di una settimana rischia di mettere in enorme difficoltà anche le più solide banche italiane, compresa la corazzata Banca Intesa. E la speculazione, con l’apertura di una procedura di infrazione da parte dell’UE e con il governo in crisi isterica su tutto, dai termovalorizzatori al fisco, passando per la giustizia, è già pronta.

Ma il vero punto interrogativo, anche dopo il franco incontro avuto con Silvio Berlusconi l’altra notte, resta Mattarella. E’ stato già deciso il prossimo rimpasto, almeno di Grillo e Toninelli, affinché questo governo non cada in seguito all’ennesima gaffe di qualche ministro. Se tutto precipitasse, però, Mattarella scioglierebbe le Camere o, consigliato dai cattocomunisti che lo assistono, tenterebbe la carta 5 Stelle-Pd? Resuscitando i vecchi compagni in astinenza dal potere e rilanciando l’ala pseudorivoluzionaria di Di Battista, rientrato come il figliol prodigo dal Sud America. È solo questo il dilemma di Salvini che, altrimenti, con il voto immediato porterebbe il centrodestra ben oltre il 40%, approfittando dell’ultima occasione per far rientrare Berlusconi in Parlamento, prima che Forza Italia e il Cav non evaporino del tutto.

Enrico Bolzan
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *