mercoledì, Aprile 21, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > La Prima Guerra Mondiale ritratta dal fotografo Carlo Balelli: mostra a Perugia

La Prima Guerra Mondiale ritratta dal fotografo Carlo Balelli: mostra a Perugia

< img src="https://www.la-notizia.net/balelli" alt="balelli"

di Elisa Cinquepalmi

Inaugurata alle 17.30 di ieri, presso Palazzo Lippi Alessandri di Perugia, la mostra “Obiettivo sul fronte – la Grande Guerra nella fotografia di Carlo Balelli”.
L’esposizione, allestita dal Centro Studi Balelli di Macerata, in collaborazione con la Fondazione Cari Perugia Arte, presenta al pubblico, il suggestivo e prezioso reportage fotografico di 240 immagini realizzate da Carlo Balelli, fotografo marchigiano, che durante la Prima Guerra Mondiale fu impegnato a Montemario nella sezione dirigibilisti specializzata nella fotogrammetria, nella zona dell’Isonzo e sul fronte Dolomitico. In questa mostra, che nel 2015 ha fatto tappa anche a Macerata, sono presenti scatti di paesaggi, montagne e vita quotidiana. Immagini perfette e attente in cui su percepisce l’umiltà dell’artista, in particolare quando ritrae i volti di soldati, uomini, donne e bambini.
Un amore per la fotografia, che da sempre caratterizza la Famiglia Balelli, tanto da aver creato il Centro Studi Carlo Balelli, presente a Macerata presso la Galleria del Commercio.
Inoltre, grazie alla collaborazione dell’Università degli studi di Perugia, dell’Isuc Istituto per la Storia dell’Umbria Contemporanea, del Museo Civico di Lignano in Taverina e dall’Anmig Umbria,
l’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra, sono stati esposti anche vari oggetti, come divise ed altri materiali, per mostrare ai visitatori ogni singolo dettaglio della Prima Guerra Mondiale.
La rassegna fotografica sarà aperta al pubblico fino al 31 Marzo 2019, con orario:

Martedì- Venerdì : 15.00/ 18.00
Sabato – Domenica : 10.00/ 13.00
15.00/ 19.00

Ingresso libero.

Per info e prenotazioni è possibile visitare il sito www.fondazionecariperugiaarte.it

Elisa Cinquepalmi

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *