lunedì, Ottobre 19, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film consigliato stasera in TV: “JURASSIC PARK” lunedì 26 novembre 2018

Il film consigliato stasera in TV: “JURASSIC PARK” lunedì 26 novembre 2018

Il film consigliato stasera in TV: “JURASSIC PARK” lunedì 26 novembre 2018 alle 21:00 su 20 MEDIASET (Canale 20)

 

Jurassic Park è un film del 1993 diretto da Steven Spielberg, basato sull’omonimo romanzo scritto da Michael Crichton.

Spielberg acquistò i diritti del libro prima che questo venisse pubblicato nel1990 e Crichton venne assunto per creare un adattamento cinematografico dell’opera. David Koepp scrisse la sceneggiatura finale, nella quale vennero persi molti tratti di violenza del libro e molta della parte narrativa; vi furono inoltre sostanziali differenze nel carattere dei personaggi. Spielberg assunse gli Stan Winston Studios per la creazione dei soggetti animatronici che avrebbero portato sullo schermo i dinosauri destinati a interagire con la nascente tecnica della computer-generated imagery della Industrial Light & Magic. Il paleontologo Jack Horner aiutò gli autori e la squadra responsabile degli effetti speciali a rendere il più veritiero possibile ciò con cui stavano lavorando (nonostante tutto l’aspetto dei dinosauri risulta in parte sbagliato a causa dei successivi cambiamenti delle teorie dell’evoluzione, in particolar modo nei Velociraptor e nel Dilofosaurus). Le riprese durarono dal 24 agosto al 30 novembre 1992 nelle isole hawaiiane di Kauai e Oahu, in California, inCosta Rica e nella Repubblica Dominicana.

Se Tron fu il primo film della Disney a utilizzare l’allora neonata computer grafica, Jurassic Park è considerato il primo film ad alto budget a fare uso diCGI. Ha ricevuto molte recensioni positive dai critici, i quali apprezzarono gli effetti speciali che ben interagivano con i personaggi e l’ambientazione, vinto tre Oscar ed altri numerosi premi. Durante la prima distribuzione nelle sale cinematografiche il film incassò 920 milioni di dollari, diventando il maggior successo cinematografico dell’epoca e uno dei film di maggiore incasso della storia del cinema. Jurassic Park è il capostipite di un franchise di film e altri media, tra i quali quattro sequel: Il mondo perduto – Jurassic Park (1997),Jurassic Park III (2001), Jurassic World (2015) e Jurassic World – Il regno distrutto (2018).

 

Su Isla Nublar, una piccola isola di proprietà della InGen, un operaio viene assalito da un animale feroce, custodito in una cassa che l’uomo stava spostando insieme ai colleghi. La famiglia dell’uomo fa causa a John Hammond, un simpatico ed eccentrico miliardario con la passione per idinosauri e proprietario della InGen. Il paleontologo Alan Grant e lapaleobotanica Ellie Sattler vengono contattati da Hammond, che li invita a visitare l’isola, 120 miglia a nord-ovest del Costa Rica, per formulare una valutazione scientifica circa la realizzazione di un suo progetto su cui mantiene il più assoluto riserbo. Hammond è riuscito, grazie alla tecnica dellaclonazione, a mettere in vita molti dinosauri ed a realizzare sull’isola un vero e proprio parco dei divertimenti; per motivi di sicurezza, i dinosauri stanno all’interno di 50 miglia di recinti elettrificati e sono tutti di sesso femminile per impedirne la riproduzione incontrollata.

Una replica della Ford Explorer vista nel film.

Lo scopo della visita è quello di ottenere dai due scienziati una recensione positiva sul parco e poter così tranquillizzare i finanziatori. Intanto Dennis Nedry, il responsabile dei sistemi informatici di Isla Nublar, viene corrotto per 1,5 milioni di dollari da Lewis Dodgson, pezzo grosso di una società concorrente alla InGen, che vuole entrare in possesso degli embrioni di 15 specie presenti sull’isola. La coppia di scienziati raggiunge l’isola insieme all’avvocato Donald Gennaro ed all’eccentricoIan Malcolm, matematico texano specializzato nella teoria del caos, scoprendo così l’opera di Hammond ed il modo in cui egli sia riuscito a realizzarla grazie all’aiuto del dottor Henry Wu, ovvero sfruttando il sangue estratto da delle zanzare vissute nelMesozoico e rimaste imprigionate nella resina fossile, venendo terminato utilizzando il DNA di un rospo. Successivamente i due nipotini di Hammond, Tim e Lex raggiungono l’isola e così gli ospiti vengono invitati ad un safari nel parco, costretti poi a rientrare a causa di una tempesta.

Tutto sembra perfetto sull’isola, destinata ad essere aperta al pubblico entro un anno, ma a far precipitare la situazione ci pensa Nedry che per poter agire indisturbato nel rubare gli embrioni, disattiva il sistema di sicurezza del parco, che oltre a mettere fuori uso i telefoni ed il blocco-porte, provoca la fuoriuscita dei dinosauri dai recinti non più elettrificati, ad esclusione di quello dei Velociraptor. Il gruppo di visitatori rimane bloccato davanti al recinto del Tyrannosaurus rex, che fugge dal recinto. Gennaro fugge in un bagno mentre la Jeep dove sono rimasti Lex e Tim viene distrutta dal tyrannosaurus. Alan e Malcolm cercano di salvare i bambini, ma Ian viene ferito gravemente dell’animale, che poi distrugge il bagno dove si era rifugiato Gennaro, divorandolo. Alan intanto riesce a trarre in salvo Lex e Tim e i tre si spendono nel parco. Poco dopo Ellie e Muldoon arrivano sul posto per cercare i sopravvissuti, riuscendo a recuperare Ian e a fuggire appena in tempo dal tyrannosaurus. Intanto Nedry, in possesso degli embrioni, esce di strada e viene divorato da unDilophosaurus.

Il giorno seguente, per contrastare il virus informatico, Hammond, essendosi accorto del pericolo, suggerisce l’arresto totale del sistema. Ciò tuttavia provoca la fuga dei tre velociraptor, che uccidono Ray e Muldoon, mentre Ellie riavvia il sistema. Nel frattempo Grant, dopo un lungo ed avventuroso viaggio, riesce a riportare i bambini al centro visitatori. Qui, dopo aver riattivato i sistemi del parco, vengono attaccati dai Velociraptor. Quando ormai per loro sembra finita, compare il T-Rex che uccide i Velociraptor, salvando il gruppo. Chiamata la terraferma, Hammond, Malcolm, Ellie, Alan ed i bambini vengono tratti in salvo.

Regia di Steven Spielberg

Con Sam Neill Laura Dern

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *