sabato, dicembre 15, 2018
Home > Mondo > La crescita di “Vox”, il partito sovranista spagnolo

La crescita di “Vox”, il partito sovranista spagnolo

< img src="https://www.la-notizia.net/vox" alt="vox"

A sorpresa, le elezioni in Andalusia di questo weekend, hanno visto un netto calo dei partiti c.d. “tradizionali” che hanno perso complessivamente oltre il 15% dei consensi e l’exploit del partito sovranista di destra radicale Vox, che è passato dallo 0,5% dell’ultima tornata elettorale ad un significativo 11%.

Ma di cosa stiamo parlando?

Populismo, lotta all’immigrazione, nazionalismo, sono ormai parole chiave con cui ci troviamo a commentare tutte le tornate elettorali da almeno due anni a questa parte, ovvero da quando in Europa Marine Le Pen ha sdoganato il nazionalismo francese, sfidando Macron al ballottaggio delle presidenziali. E del Front National, il movimento spagnolo, conserva molto. A partire dall’avversione verso i separatismi e le autonomie locali, che quindi difficilmente lo vedono accomunato alla Lega (Nord). Ma della Lega a trazione salviniana, riconosciamo molti elementi.

Vox però è un fenomeno recente, fondato solo nel 2013 da alcuni fuoriusciti del Partito Popolare (Centrodestra), probabilmente anche per la difficoltà di formare un vero partito di destra radicale in un Paese che ha conosciuto recentemente il franchismo. Il suo leader Santiago Abascal ha avuto in questi anni la capacità di intercettare il malcontento degli spagnoli, che come gli italiani non sono mai usciti del tutto dalla crisi, e di capire che la risposta non poteva venire solo dalle ali più estreme del fronte socialista. Tant’è che ora ben 12 deputati ne poteranno le istanze nel parlamento regionale. E ora si punta a superare lo scoglio del 12% anche alle europee.

Quali idee dovremmo aspettarci dai parlamentari di Vox? Sicuramente una dura lotta all’immigrazione, soprattutto quella proveniente dal continente africano, ma anche la totale contrarietà ai matrimoni omosessuali, che vorrebbe riportare al livello di semplici unioni civili. Ma l’aspetto più interessante, come si accennava qui sopra, è la totale contrarietà a tutte le forme di autonomia, dai baschi ai catalani. Sulle politiche europee, come ci si potrebbe aspettare, Vox ha posizioni di netto contrasto, professandosi senza mezze misure come un movimento euroscettico.

Andrea Zappelli

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: