martedì, Gennaio 26, 2021
Home > Abruzzo > Evade dagli arresti domiciliari. Giovane arrestato e condotto in carcere dai Carabinieri a Scafa

Evade dagli arresti domiciliari. Giovane arrestato e condotto in carcere dai Carabinieri a Scafa

alla guida

Giunto da Montesilvano nell’aprile scorso il ventitreenne Maicol Di Rocco si era stabilito in un appartamento sito nel pieno centro cittadino di Scafa ove intendeva scontare la misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno. In questo periodo, nonostante il regime restrittivo che avrebbe dovuto limitarlo, si era reso protagonista di numerose intemperanze le quali avevano profondamente scosso comunità scafese. Assolutamente sprezzante dei vincoli restrittivi che lo affliggevano, spadroneggiava nelle vie della piccola cittadina pescarese, venendo più volte tratto in arresto. Nello scorso mese di settembre, pur non dovendo allontanarsi da Scafa, era stato colto dai carabinieri presso un grosso centro commerciale di Chieti e in seguito sottoposto agli arresti domiciliari. Tuttavia anche tale misura restrittiva non aveva frenato la spregiudicatezza del DI Rocco il quale continuava a violare le prescrizioni a lui imposte. Veniva, infatti, visto affacciarsi dal balcone di casa e parlare tranquillamente con altri pregiudicati della zona. I militari della Compagnia di Popoli, a seguito di numerose segnalazioni, avviavano una serrata attività di controllo documentando tutte le violazioni da lui realizzate. Nell’ultima circostanza si appurava che il predetto, uscito di casa per fruire di un permesso, non aveva più fatto rientro venendo colto dal personale del Nucleo Operativo e Radiomobile per le vie di Scafa a bordo di un veicolo già posto sotto sequestro. Le refertazioni inviate dai carabinieri all’Autorità giudiziaria facevano scattare immediatamente l’aggravamento del regime detentivo. Il Di Rocco, reperito presso la sua abitazione, veniva quindi condotto presso il carcere di Pescara.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *