giovedì, Gennaio 21, 2021
Home > Italia > Corinaldo, migliorano le condizioni di 4 dei 7 ragazzi ricoverati. Il giallo sulla doppia serata di Sfera Ebbasta

Corinaldo, migliorano le condizioni di 4 dei 7 ragazzi ricoverati. Il giallo sulla doppia serata di Sfera Ebbasta

ancona

CORINALDO – Sembrerebbero in via di miglioramento le condizioni di 4 dei 7 ragazzi ricoverati in gravi condizioni dopo la tragedia verificatasi all’interno della discoteca “Lanterna Azzurra” di Corinaldo.  A dare la confortante notizia sarebbe stato il personale medico dell’ospedale regionale di Torrette ad Ancona, dove i giovanissimi erano stati traferiti in condice rosso ed in pericolo di vita. Sei le persone decedute: 5 adolescenti ed una mamma di 39 anni. Nella giornata di ieri, una 15enne di Pergola era uscita dal coma farmacologico, con immensa gioia della madre e dei familiari. Ora respira autonomamente.  Nel frattempo gli inquirenti avrebbero identificato il minore (in stato di fermo per droga) che ha spruzzato lo spray urticante all’interno del locale della tragedia , dove è stata rinvenuta la bomboletta che avrebbe generato il panico.

Altre 2 persone oltre a lui, un giovane di 27 anni e la sua fidanzata, sono state fermate per possesso di droga ma non è escluso che l’accusa possa mutare nell’arco delle prossime ore. L’ipotesi che sta prendendo piede è quindi che alla Lanterna Azzurra fosse presente una banda di giovani dedita alle rapine nei confronti di coetanei e che potrebbe aver utilizzato lo stratagemma dello spray urticante per la fuga. Ha inoltre suscitato non pochi dubbi e polemiche il video, diventato virale sui social, pubblicato da un giovane che si trovava alla Lanterna Azzurra la notte della tragedia. “C’è qualcosa che non mi quadra nella serata: com’è possibile che Sfera Ebbasta stava per entrare in scena, sul palco della Lanterna Azzurra, a mezzanotte e 40, quando è successo il parapiglia, se a mezzanotte e 10 era ancora sul palco Discoteca Altromondo Studios a Rimini?”. In poche parole, mentre i ragazzi lo aspettavano a Corinaldo, il trapper stava suonando a 90 chilometri di distanza. Con grande probabilità avrebbe dovuto essere presente quindi per una “ospitata”. Lo staff di Sfera Ebbasta ha poi dichiarato a Repubblica che il trapper si trovava in viaggio per Corinaldo quando è stato informato dell’accaduto. Ma per molti i dubbi rimangono. E sarà ora compito degli inquirenti fare luce sui fatti.

Nel video il giovane punta il dito contro i gestori della discoteca: “Com’è possibile che Sfera non l’abbia mai nominata la Lanterna Azzurra? Com’è possibile che non abbia fatto nemmeno una storia Instagram, il giorno prima, per dire che ci sarebbe stato? E’ stato un evento inventato per fare cassa e quando stavano per presentarlo uno che era chiaramente messo lì apposta per spruzzare lo spray urticante per fare uscire tutti. Così avrebbero potuto dire che era impossibile andare avanti con lo show…. È stato qualcosa di organizzato, qualcosa per giustificare l’assenza di Sfera Ebbasta”. Secondo quanto riferito dai promoter che seguono il trapper però la presenza all’interno del locale sarebbe stata legale. Gli inquirenti stanno verificando anche il corretto funzionamento degli impianti di aerazione della Lantenza Azzurra.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *