sabato, Novembre 27, 2021
Home > Italia > Il divario Lega – Movimento 5 Stelle si fa sempre più ampio

Il divario Lega – Movimento 5 Stelle si fa sempre più ampio

di maio
Sondaggi: secondo Index il distacco tra Lega e M5S adesso sfiora i 10 punti!

Il distacco tra Lega e Movimento 5 Stelle, settimana dopo settimana, si fa sempre più ampio. Tanto da raggiungere quasi la doppia cifra. Infatti, secondo le ultime intenzioni di voto rilevate da Index per il programma televisivo Piazza Pulita, la distanza fra Carroccio e pentastellati sarebbe arrivata a sfiorare i 10 punti percentuali. Un’enormità se si pensa che alle elezioni del 4 marzo la situazione vedeva il Movimento in testa ai consensi con il 32,7% e la Lega (al terzo posto) al più modesto 17,4%. In dieci mesi il quadro si è ribaltato. Ora il partito di Salvini, continua a crescere (+0,2 al 34,7%), immune dalle critiche degli industriali e dagli allarmi lanciati da Bruxelles.

Chi paga dazio è invece il Movimento 5 Stelle, prima forza di governo. I grillini calano al 24,9% e perdono solo nell’ultima settimana lo 0,1. Il ministro del Lavoro e vicepremier Luigi Di Maio le sta tentando tutte per rimettere in carreggiata il Movimento. Ieri, durante il vertice pomeridiano con il premier Giuseppe Conte e con Salvini, ha annunciato l’aumento del taglio delle pensioni d’oro che passa dal 25 al 40%. E sul reddito di cittadinanza non ci sarà alcun passo indietro. Platea dei beneficiari e cifra, 780 euro, rimarranno. Così come la data di partenza della misura: marzo. Basterà?

Intanto le opposizioni respirano. Sia Partito Democratico che Forza Italia fanno un piccolo passettino in avanti (entrambe guadagnano lo 0,2) e salgono rispettivamente al 17,7% e al 7,5% nelle ultime due settimane. Le voci di un’uscita di Renzi dal partito sembrano non compromettere la fiducia degli elettori nel Pd. Per quanto riguarda le altre forze politiche, Fratelli d’Italia rimane ferma al 4%. Idem Più Europa al 2,3%. Potere al Popolo passa dal 2,1 al 2,2% mentre quello che rimaneva di Liberi e Uguali si avvia piano piano verso l’1%.

Enrico Bolzan
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net