venerdì, Gennaio 22, 2021
Home > Italia > In Europa cambiano i tempi, tutto muta ma stavolta l’Italia alza la testa

In Europa cambiano i tempi, tutto muta ma stavolta l’Italia alza la testa

italia
Se qualcuno credeva che dopo il Rinascimento e dopo la Seconda Guerra Mondiale si potesse immaginare un mondo dove sotto il nome Europa si unissero in un unico Stato tutte le Nazioni rinunciando alcuni al proprio status di “Colonizzatore” ed altri al ruolo di “Colonie”, e dove i cittadini potessero avere tutti pari diritti e dignità, questo qualcuno non ha certamente fatto i conti con la intima natura dell’essere umano,  incapace di trasformare in realtà la “Utopia” incarnata in tale aspirazione.
La simultaneità dei fatti delle ultime settimane non possono che evidenziare la diversità di trattamento tra Stati europei che in un modo o nell’altro differiscono proprio per come sono gestite le stesse problematiche che li accomunano.
Per di più, se scorriamo il tempo passato non lontano dai nostri giorni e rileggiamo la storia ed il trattamento riservato ad altri “Stati” in precedenza coinvolti, non si può che convenire sulla conclusione che vi sono all’interno della stessa Europa figli e figliastri, ovvero Stati e Colonie.
Le dichiarazioni praticamente di resa pronunciate da parte di un Capo di Stato come Macron  al popolo Francese – forse per evitare una nuova e più drastica protesta dei “gilet gialli” – provengono da un uomo non certo amato dai suoi connazionali che pur lo avevano acclamato al tempo della sua elezione,
Ciò dimostra come tale Nazione, sovranista e nazionalista, faccia rispettare il volere popolare
senza interferenze dei poteri centrali di una “Europa” che in altri casi analoghi, sembra mettere il naso negli affari interni degli Stati membri. Del resto ben si sa che questa Nazione, colonizzatrice da sempre, apparentemente sembrerebbe abbia rinunciato alle sue colonie già da tempo anche se poi effettivamente attraverso complessi trattati, continua a colonizzare stati extraeuropei, ma non soltanto.
Diverso invece è il caso di un’altra Nazione come l’Italia  che per millenarie vicende è stata tenuta divisa e colonizzata e che solo negli ultimi centocinquantasette anni ha ritrovato la sua unione.
Questa nazione pur avendo problematiche sociali simili a quelle di cui è discusso prima, nonostante le democratiche e non violente posizioni espresse civilmente e più volte dal popolo sovrano, subisce costantemente imposizioni e direttive dalla stessa Europa che tace nel primo caso, dimostrando così una sostanziale diversità tra le due Nazioni.
Una sovrana e Nazionalista, l’altra colonizzata e sottomessa. Che non si tratti di una casualità lo si evince anche dalle cronache quotidiane, quando ogni azione espressa
dal popolo e fortemente voluta e sostenuta anche dal Governo Italiano, viene criticata duramente e messa nuovamente in discussione, nonostante la soluzione imposta leda ogni diritto umanitario del popolo stesso.Eppure in questo caso il Governo appoggia e sostiene il volere popolare, anche se stranamente viene incolpato di essere sovranista e nazionalista, perché difende il proprio volere ed il proprio territorio. ​I due pesi e le due misure forse dimostrano che vi sono stati e colonie all’interno di quella che dovrebbe essere, ma non lo è, un unione di stati.
Ancor di più ciò si evidenzia se scorrendo indietro nel tempo si esamina cosa è accaduto ad un altra Nazione, che per volontà di questa Europa ha dovuto costringere il proprio popolo a sacrifici e povertà, perché così ha deciso una burocratica Europa che considera certi stati colonie da cui attingere risorse.
A nulla sono valse le proteste di quel popolo, scontri violenti e sangue di cui nessuno è stato informato
ufficialmente se non attraverso vari social che hanno diffuso con grande difficoltà informazioni inerenti al
grave stato di disagio.
Ma questo è il destino delle “colonie”, costrette a subire e a sottomettersi agli “ Stati” che si ergono al
comando. Le civiltà continuano ad evolversi, anche se i padroni continuano ad esistere così come gli schiavi, gli stati continuano ad esserci ed a rendere sempre più colonie altri stati, in maniera diversa, con nomi diversi ma con la stessa sostanza. Però stavolta a Bruxelles è arrivato il vento del cambiamento: l’Italia alza la testa.
                                                                                                                                                                     Ettore Lembo
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *