mercoledì, Aprile 21, 2021
Home > Italia > Prato, esercizio abusivo della professione odontoiatrica: sequestrato studio dentistico

Prato, esercizio abusivo della professione odontoiatrica: sequestrato studio dentistico

< img src="https://www.la-notizia.net/prato" alt="prato"
PRATO – I Carabinieri del NAS di Firenze e la Guardia di Finanza del Gruppo di Prato hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dal G.I.P. del Tribunale di Prato, di uno studio dentistico pratese, all’interno del quale veniva esercitata abusivamente, attività odontoiatrica.
L’attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Prato – Dott. Egidio Celano Sostituto Procuratore, è stata sviluppata trasversalmente, sotto il profilo dell’abusivismo nel settore delle professioni sanitarie e sotto il profilo della polizia economico – finanziaria, con l’avvio di specifica attività ispettiva e mirata attività di p.g. attraverso l’acquisizione di circostanziate informazioni da parte della clientela.
Lo sviluppo investigativo ha permesso di accertare che i pazienti, dopo aver acquistato un
coupon su internet, si recavano presso lo studio ove venivano sottoposti a pratiche odontoiatriche (radiografie panoramiche delle arcate dentali e igiene orale) da un odontotecnico e da una segretaria con mansioni di assistente alla poltrona, entrambi privi dei titoli abilitativi dello Stato, necessari per poter eseguire prestazioni sanitarie odontoiatriche.
Lo svolgimento dell’attività abusiva avveniva con la complicità del medico odontoiatra titolare dello studio, che metteva a disposizione dei due falsi dentisti,
i locali e le attrezzature odontoiatriche. Al termine dell’attività investigativa i tre sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria, in concorso, per esercizio abusivo della professione (artt.110 e 348 c.p.) e sono
stati posti i sigilli allo studio, che è stato sequestrato unitamente a tutte le attrezzature odontoiatriche.
Le attività di polizia economico finanziaria, inoltre, hanno permesso di accertare attraverso la valorizzazione degli elementi informativi acquisiti,irregolarità di natura fiscale.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *