mercoledì, Gennaio 27, 2021
Home > Italia > Genova, il Comitato per gli Immigrati: “Date ai terremotati le case sequestrate alle mafie”

Genova, il Comitato per gli Immigrati: “Date ai terremotati le case sequestrate alle mafie”

GENOVA – “La ricostruzione? Siamo ancora in emergenza. Le casette stanno registrando grossi problemi. Le macerie sono ancora lì, sono stati perduti 12mila posti di lavoro e il nuovo commissario non sembra avere chiara ancora una strategia che possa dare un’accelerazione. Ci sentiamo abbandonati”. Intervistati dal quotidiano Il Messaggero, i terremotati di Amatrice esprimono tutto il proprio sconforto. Per loro non sarà un Natale allegro. In molti se ne sono andati. Per chi ha deciso caparbiamente di non tradire il proprio territorio le uniche certezze sono il senso di vuoto per un passato che non tornerà mai più e l’angoscia per il futuro.

Ma è proprio da Genova, colpita dalla tragedia del ponte Morandi, che parte un’iniziativa a loro dedicata e che porta la firma del “Comitato per gli Immigrati e contro ogni forma di discriminazione”. La presidentessa, Aleksandra Matikj, spiega l’idea: quella di assegnare le case sequestrate alla mafia ai terremotati del Centro Italia. La proposta è stata inoltrata anche al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. In realtà l’iniziativa era nata nel 2016, ma ora il “Comitato per gli Immigrati e contro ogni forma di discriminazione” ha deciso di rinnovare la proposta.

“Sperando che la nostra proposta possa essere realizzata – scrive la presidentessa nella mail inoltrata – , cogliamo l’occasione di ricordare che anche noi migranti in Italia ci siamo per le nostre sorelle e per i nostri fratelli italiani quando si trovano in difficoltà”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

One thought on “Genova, il Comitato per gli Immigrati: “Date ai terremotati le case sequestrate alle mafie”

  1. Ottima idea, ma già è stato proposto dall’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati poco dopo il crollo del Ponte. Credo che però nessun appartamento disponibile avesse i requisiti per essere dato agli sfollati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *