martedì, Maggio 11, 2021
Home > Italia > Caserta, controlli a tappeto sui prodotti alimentari: sanzioni per oltre 36mila euro

Caserta, controlli a tappeto sui prodotti alimentari: sanzioni per oltre 36mila euro

< img src="https://www.la-notizia.net/caserta" alt="caserta"

In quest’ultima settimana tutti i Reparti dei Carabinieri Forestali operanti nella provincia di Caserta, Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale e le nr. 11 Stazioni Carabinieri Forestali, hanno proceduto ad attività di controllo sui prodotti alimentari destinati al consumo nel periodo natalizio.

La diffusa azione di controllo è stata tesa a verificare la tracciabilità dei prodotti alimentari destinati alla vendita ed il rispetto della normativa in materia di etichettatura e di corretta informazione offerta ai consumatori presso gli esercizi di vendita.

Le verifiche sono state condotte in numerosi comuni della provincia ed hanno riguardato in particolare i prodotti ittici, i formaggi freschi a pasta filata (mozzarella, fior di latte, provola), prodotti carnei trasformati, nonché il rispetto dei termini di scadenza sui prodotti in vendita preimballati.

Numerosi sono stati i casi di irregolarità accertate per le quali i militari hanno provveduto ad elevare 13 sanzioni amministrative, per un totale di 36.550 euro, sottoponendo a sequestro oltre 23 Kg di molluschi bivalve (cozze, vongole e lupini), nel corso di due distinti controlli svolti dai militari della Stazione Carabinieri di Castel Volturno congiuntamente alla locale Guardia Costiera, in quanto erano detenuti irregolarmente aspersi in acqua. Molluschi che sono stati immediatamente reimmessi in natura.

Sono stati, inoltre, sottoposti a sequestro oltre 21 kg. di mozzarella e fior di latte venduti allo stato sfuso in violazione alla normativa in materia di etichettatura, nonché oltre 30 Kg di salsicce e prodotti carnei di origine suina trasformati per assenza di tracciabilità.

Giova ricordare che la vendita dei formaggi freschi a pasta filata allo stato sfuso mediante preincarto è vietata nei punti vendita non annessi ai caseifici di produzione. Quest’ultima irregolarità è molto ricorrente perché la mozzarella venduta nella sua originaria confezione è associata dai consumatori ad un prodotto industriale. Molti operatori commerciali per superare questa erroneo convincimento dei consumatori sono soliti aprire le confezioni contenenti le mozzarelle per venderle allo stato sfuso. Così facendo il prodotto alimentare perde la sua tracciabilità con la conseguenza di non poter essere più posto in commercio in quanto manchevole delle indicazioni obbligatorie in materia di etichettatura che erano presenti sull’originaria confezione applicata nello stabilimento di produzione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *