giovedì, Ottobre 22, 2020
Home > Abruzzo > Caserme Polizia Penitenziaria aquilana: è “guerra” contro l’Amministrazione “tira e molla”

Caserme Polizia Penitenziaria aquilana: è “guerra” contro l’Amministrazione “tira e molla”

< img src="https://www.la-notizia.net/polizia-penitenziaria" alt="polizia penitenziaria"

Riceviamo e pubblichiamo: “Quello al quale si è assistito ieri è stato un’autentica sgambettata posta in essere ai danni della Polizia Penitenziaria Aquilana in particolare e italiana in generale. Parlavamo di Caserme fatiscenti all’Aquila, sporche e circondate da immondizia e della necessità di porvi subito rimedio. Ieri è arrivata la notizia che ha visto l’Amministrazione penitenziaria più che risolvere la vergognosa situazione buttare benzina sul fuoco sulla questione visto che da Febbraio non solo si dovrà vivere nel lerciume ma lo si farà a suon di euro”. Ad affermarlo è Mauro Nardella, Segretario Generale Territoriale UIL PA Polizia Penitenziaria e componente della Segreteria confederale.

“Si è appreso, infatti – sottolinea il sindacalista della UIL riprendendo una pronta controffensiva avanzata dal Segretario Generale Gennarino De Fazio -, che la Direzione generale del personale e delle risorse del DAP ha fornito l’“esatta interpretazione” della norma in oggetto indicata, relativa all’uso gratuito degli alloggi collettivi di servizio di cui all’art. 12, comma 3, del DPR n. 314/2006, per gli appartenenti al Corpo di polizia penitenziaria. In particolare, da quanto si apprende, la predetta Direzione generale, dopo essersi addentrata, appunto, in un’esegesi della predetta disposizione legislativa e della relativa relazione tecnica, ha revocato le disposizioni da essa stessa impartite con nota n. 0357233 del 9 novembre 2017 e che rendevano “gratuita” la fruizione degli alloggi in questione, disponendo nel contempo il recupero delle somme arretrate a titolo di oneri di utilizzo”.

“Quanto sopra – prosegue Nardella evidenziando quanto rilanciato dalla UIL Nazionale -, oltre ad apparire del tutto discutibile, anche in virtù della relazione tecnica richiamata dalla stessa Direzione generale e a porsi in antitesi con le pubbliche dichiarazioni rilasciate dal Ministro della Giustizia dell’epoca, pure a mezzo di video diffuso sul sito istituzionale, diviene inconcepibile se si considera che mira a ripristinare, in fatto e in diritto, lo status quo ante al decreto legge n. 148/2017, rendendo dunque ininfluente o, addirittura, inesistente la novella introdotta con la disposizione più volte citata (che, si ricorda, ha inserito la locuzione “a titolo gratuito” al 3° c., art. 18, legge n. 395/90, che ora così risulta: “Il personale del Corpo ha facoltà di pernottare in caserma a titolo gratuito, compatibilmente con la disponibilità di locali”). Se dovesse prevalere la suddetta – singolare – interpretazione, ci si chiederebbe, anche ex art. 12 delle preleggi, quale fosse la restante possibile “intenzione del legislatore”.

“In disparte  – continua il sindacalista – la pretesa di pagamento di oneri di utilizzo arretrati, che sembra confliggere pure con il principio del legittimo affidamento, in base al quale – com’è noto – una situazione di vantaggio assicurata dalla Pubblica Amministrazione e su cui il privato ha legittimamente fondato il proprio affidamento non può essere successivamente rimossa, salvo indennizzo della posizione acquisita (Cfr., ex plurimis, TAR Toscana, n. 189 del 2017; Consiglio di Stato, n. 1393 del 2016; Corte Giustizia n. 67 del 2010)”.

E conclude: “Nel frattempo sta montando sempre più, nelle fila dei poliziotti dell’Aquila e di Sulmona, la rabbia per essere stati bersagli di una politica infelice e lancinante e che se non risolta porterà la UIL manifestare in maniera anche eclatante il proprio dissenso. Il punto sarà fatto in un’assemblea nella quale verranno invitati tutti a partecipare e nella quale saranno le politiche da adottare per contrastare questa infelice presa di posizione”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *