martedì, Aprile 20, 2021
Home > Marche > Ancona, ordigno bellico disinnescato e rimosso

Ancona, ordigno bellico disinnescato e rimosso

< img src="https://www.la-notizia.net/ordigno" alt="ordigno"

ANCONA – Nella giornata di oggi si è provveduto, a cura del Reggimento Genio Ferrovieri dell’Esercito Italiano, al disinnesco e alla rimozione dell’ordigno bellico rinvenuto ad Ancona il 17 ottobre 2018. Dalle ore 5:00 di questa mattina è iniziata l’evacuazione della popolazione al fine di dare attuazione all’ordinanza prefettizia che ha interessato circa 12.000 persone. Le operazioni di evacuazione, disinnesco e brillamento, sono state coordinate dall’Unità di Crisi presieduta dalla Prefettura di Ancona, riunitasi a partire dalle ore 05.00 presso la Sala Operativa Integrata ubicata nei locali del Comando Provinciale di Ancona. Oltre 30 vigili del fuoco sono stati impegnati per consentire lo svolgimento in sicurezza delle operazioni programmate, fornendo supporto operativo all’Esercito per le operazioni di bonifica e scorta al trasporto dell’esplosivo presso idoneo sito. È stata inoltre fornita assistenza alla popolazione evacuata che si è raccolta presso tre palasport cittadini. A supporto dell’Unità di Crisi è stato altresì impiegato personale specializzato SAPR (Sistema Aeromobili Pilotaggio Remoto) e della CoEm (comunicazione in emergenza) che ha consentito di seguire in diretta le fasi salienti delle operazioni. Le operazioni in loco di disinnesco si sono concluse alle ore 14.00 consentendo il graduale rientro della popolazione. L’ordigno è stato avviato presso la cava sita in località La Barchetta di Jesi ed è stato fatto brillare alle ore 16.00 senza conseguenza alcuna.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *