martedì, Marzo 2, 2021
Home > Italia > I giovani italiani ed il loro rapporto con l’informazione: un sondaggio rivela importanti risposte

I giovani italiani ed il loro rapporto con l’informazione: un sondaggio rivela importanti risposte

< img src="https://www.la-notizia.net/villaggio" alt="villaggio"

E’ tutto confermato: la Rete, Internet, i Portali, WEb, le Testate on line, i Social: sono il pane quotidiano per i giovani italiani che, sui più svariati fronti,  vogliono in qualche modo informarsi. Solo sciocchezze di secondario valore? No, no. Anzi,  pare inesatto sostenere  che le nuove generazioni non provino interesse per fatti e vicende nazionali  e locali che coinvolgono un po’ i loro genitori. Sembra, invece, che rivelino molto attenzion

Il Sondaggio effettuato dall’Istituto Demopolis (incaricato dall’Ordine Nazionale dei giornalisti) ha appurato che il 70% degli interpellati (fra i 18 e i 29 anni) confidi parecchia attenzione per gli avvenimenti locali. Pur non trascurando l’Italia (67%) e l’Europa (42%). Non vivono, insomma, in un mondo distaccato dalle realtà.

E’ innegabile, comunque, che il 95% degli under 30 fruisce quotidianamente della Rete. E il 60% è, di fatto sempre connesso a Internet.

La centralità della Rete – ha spiegato nell’aula del Consiglio Nazionale il direttore di Demopolis Pietro Vento – incide in modo significativo sulle modalità di informazione  delle nuove generazioni: il 75% entra in contatti con l’attualità attraverso siti Web, portali e testate on line. Comunque –ha aggiunto – i telegiornali, nazionali ne locali , e i programmi televisivi di informazione tengono il passo: li segue il 66% degli under 30’’.

E ancora: ‘’ Sempre più centrale appare il ruolo di Facebook, Youtube, e dei Social, veri e propri incroci di tutte le informazioni’’.

E’ importante l’interpretazione, di queste materie,  delle dinamiche maturate nell’ultimo decennio: rispetto al  2009 la fruizione dei TG passa dal 76% al 66%, mentre quella dei Siti on line balza dal 31 al 75%; e i Social salgono dal 15 al 63%. A discapito della carta stampata, spesso sostituita dai quotidiani on line.

Merita qualche riflessione il parere dei giovani sull’informazione politica italiana: i  due terzi degli intervistati la reputa ‘’faziosa’’; il 56% la considera ‘’scarsamente obiettiva’’’’; il 48% considera che ‘’molte notizie siano superficiali’’.

A chi fa il nostro  mestiere certi rilievi dispiacciono soprattutto perché – ecco un conforto che emerge dal Sondaggio – ‘’il 73% dei giovani riconosce al giornalismo una funzione fondamentale o importante nel nostro Paese’’. Ed anzi lo vorrebbe ‘’più attento all’inchiesta e alla denuncia’’.

Il focus sul rapporto tra nuove generazioni e media nel nostro Paese costituisce una delle iniziative volute dall’Ordine dei giornalisti (Presidente Carlo Verna) in occasione del Premio Mario e Giuseppe Francese, in programma il 26 gennaio a Palermo, nel quarantennale dell’uccisione del giornalista Mario Francese, vittima della criminalità siciliana sulla cui attività  aveva svolto importanti indagini finite in cronaca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *