giovedì, Dicembre 2, 2021
Home > Italia > Testimoni di Geova alla gogna. Storie di disinformazione giornalistica verso una minoranza

Testimoni di Geova alla gogna. Storie di disinformazione giornalistica verso una minoranza

Si è ribadito spesso negli ultimi tempi come il ruolo del giornalismo sia quello di mediare, controllare ed evitare che delle fake news prendano campo nell’immenso bacino della rete, dove è poi impossibile recuperarle. Chissà se questo sano principio deontologico valga anche quando si scrive sui Testimoni di Geova. La seguente e sconcertante storia mostra quando i giornalisti che non controllano la veridicità delle notizie e quindi non “mediano”, rischino di dare in pasto all’opinione pubblica notizie distorte, incomplete se non addirittura false che alimentano poi odio e livore.

Una donna della provincia di Salerno racconta nel giugno 2018, di essere una testimone di Geova, che dopo aver acconsentito a una emotrasfusione in un’operazione chirurgica, viene “ripudiata” dalla sua chiesa e dalle sue tre figlie, che decidono di allontanarsi da lei e di interrompere tutti i rapporti familiari andando a vivere in un altra casa.

Dopo che la notizia viene pubblicata su un quotidiano nazionale, le figlie chiamate in causa in maniera così diretta, precisano di essere “rimaste sconcertate dalle informazioni false che abbiamo letto sui giornali…la sensazione è che qualcuno aveva deciso di colpire noi personalmente e la nostra religione. Quello che ci preme precisare è che abbiamo rispettato – e rispettiamo- nostra madre. Il motivo per cui non siamo più a casa con lei non è la religione ma i continui maltrattamenti psicologici e fisici a cui ci sottoponevano i nostri genitori (entrambi non Testimoni di Geova) per obbligarci ad abbandonare la nostra religione”. Nella precisazione inviata al quotidiano le ragazze raccontano di “percosse” e insulti” e di un ultimatum ricevuto, affinché cambiassero idea religiosamente parlando. “In quell’occasione – proseguono le ragazze- una di noi è stata picchiata fino al punto di farle perdere conoscenza” e finita all’ospedale con relativo intervento dei carabinieri informati del fatto. Le ragazze comunque decidono di non perseguire penalmente i genitori per gli abusi subiti. Tra le osservazioni delle ragazze c’è quella di non solo, essere state strumentalizzate ma – e qui ogni giornalista serio dovrebbe rabbrividire – di non essere state contattate dalla redazione per un logico e indispensabile confronto tra la versione della madre e la loro.

Qualche giorno fa un agenzia di stampa ha rilanciato la stessa notizia, (ora rimossa!) con le dichiarazioni della signora, dello stesso tenore con aggiunta di particolari negativi.

Apriti cielo! Un certo numero di quotidiani, ha ripreso le affermazioni della donna e pubblicato in maniera estesa la vicenda con titoli ambigui e accusatori nei confronti delle figlie, ree un po’ per tutti di aver ripudiato la donna per il suo “peccato”, contornando il tutto con commenti ostili e quasi spregevoli sui testimoni di Geova e la questione delle emotrasfusioni. In quanti hanno verificato la notizia? Nessuno. Tra l’altro sarebbe bastata un semplice ricerca su Google, per trovare qualcosa sull’episodio vista la pubblicazione del quotidiano otto mesi fa.

Nessuno si è preso la briga di “ascoltare l’altra campana” come dovrebbe fare un giornalista responsabile; molti sono andati giù con una specie di randello verbale e scritto, in questo caso amplificato dal web e dai social. Una specie di “dagli all’untore” mediatico che ha trovato naturalmente molti, pronti a recepire il carico del solito vagone d’odio quotidiano, stigmatizzato anche da pensatori vari e da autorevoli giornalisti come pericoloso per la convivenza civile e democratica del Paese.

Lo stesso Massimo Gramellini, personaggio anche televisivo, nel Caffè sul Corriere della Sera ha titolato il suo pezzo sulla vicenda, in prima pagina “Le tre fanatiche” con un improponibile raffronto con la vicenda della ragazza pakistana uccisa. In questo modo si potrebbe additare ancor di più alla gogna le tre giovani, che a causa del pubblico ludibrio scatenato da articoli di questo tenore, rischiano di essere falsamente e ingiustamente marchiate come figlie che hanno disconosciuto l’amore filiale dei genitori.

Paradossalmente tra i tanti commenti carichi di ostilità sui social, qualcuno si è chiesto se non sia meglio prima di giudicare conoscere tutti i particolari della storia, rivelando un’obiettività sfuggita, non tanto a chi semina o sfoga rancore contro il nemico di turno, in questo caso i testimoni di Geova, ma a chi dovrebbe fornire sempre notizie accurate.

L’Ufficio Stampa nazionale dei Testimoni di Geova ha smentito la ricostruzione fatta dai giornali, con un comunicato dove si spiega che “le tre ragazze sono stanche e frustrate da questa situazione. Non è vero che hanno rotto i rapporti con la madre perché ha accettato la trasfusione, ma si sono allontanate perché venivano maltrattate”. Inoltre la nota precisa che “la signora non è stata espulsa per l’emotrasfusione”. Al momento sono pochi i quotidiani che hanno pubblicato la smentita, confutando di fatto Giulio Andreotti che considerava la smentita come una notizia data due volte. Forse perché in questo caso, le versioni sono diametralmente opposte e si preferisce dare in pasto ai lettori quella che registra “un’audience” maggiore o sembra piacere di più alla maggioranza.

Nel 1989 Giorgio Bocca nel suo “Il padrone in redazione” denunciava un giornalismo che “amplifica artificialmente fatti, non si cura di verificarli e dopo averli consumati rapidamente li accantona. Testimoni? Nessuno. Prove? Nessuna”. E non c’era Internet possiamo aggiungere noi oggi.

Chi conosce i testimoni di Geova sa che si sono fatti la scorza con l’impopolarità, il pregiudizio, l’odio, le persecuzioni brutali dei vari Mussolini, Hitler, Stalin e ora anche Putin solo per citarne alcuni. Non saranno le notizie dei giornali a destabilizzarli né l’avversione che alcuni manifestano nei loro confronti, spesso bilanciata da altri che mostrano stima e ammirazione per il loro modus vivendi. Anzi nelle accuse rivolte anche le più pesanti, non vedono altro che il compimento del mandato evangelico che li vuole spesso dileggiati e “insultati perché grande è la ricompensa nei cieli” come recita il vangelo secondo Matteo.

Alcune delle loro credenze come quelle relative il rifiuto delle emotrasfusioni o le espulsioni dal movimento, possono essere di primo acchito difficili da capire, anche se da parte loro viene profuso uno sforzo continuo per informare l’opinione pubblica sul loro operato, come è evidente da alcune sezioni del sito ufficiale dell’organizzazione. Indubbiamente ci vogliono pazienza e tempo per approfondire i fatti, specialmente quando coinvolgono chi è diverso dai nostri consueti modelli di vita standardizzati.

Quello che si richiede sempre per chi scrive pubblicamente, orientandolo anche le idee, è non tradire mai il dogma, in questo caso è giusto definirlo così, di un’informazione libera ma consapevole, accurata e documentata, fatta di verifica delle fonti e di dati oggettivi. Un’informazione che non deve mai abbassarsi a quel livello, che i giornali stessi rimproverano ai sempre più numerosi divulgatori di fake news.

Roberto Guidotti