martedì, Ottobre 26, 2021
Home > Mondo > Summit in Vietnam: Corea del Nord e Stati Uniti forniscono versioni diverse sul fallimento dei colloqui

Summit in Vietnam: Corea del Nord e Stati Uniti forniscono versioni diverse sul fallimento dei colloqui

< img src="https://www.la-notizia.net/corea-del-nord" alt="corea del nord"

La Corea del Nord e gli Stati Uniti hanno fornito diverse versioni sul motivo per cui il secondo summit tra Donald Trump e Kim Jong-un si è bruscamente concluso giovedì.

Si e’ trattato di una battuta d’arresto da parte di entrambi i leader, che avevano affrontato lunghi viaggi – Kim in treno e Trump per via aerea – nell’aspettativa di un accordo che fosse a portata di mano. Non ci sono piani per un terzo vertice, ma gli Stati Uniti hanno espresso la volontà di proseguire con i colloqui.

Nella sua versione dei fatti, Trump ha dichiarato che l’accordo è fallito perché Kim voleva una completa revoca delle sanzioni in cambio dello smantellamento del complesso nucleare principale a Yongbyon, ma che gli Stati Uniti volevano altri impianti nucleari, compresi i siti segreti, anch’essi disabilitati.

La Corea del Nord ha contestato la spiegazione di Trump. Alla conferenza stampa di mezzanotte, improvvisamente programmata ad Hanoi, il ministro degli esteri nordcoreano, Ri Yong Ho, ha dichiarato che Pyongyang ha chiesto solo un parziale sgravio delle sanzioni in cambio della chiusura di Yongbyon. Ha detto che gli Stati Uniti hanno sprecato un’opportunità che “potrebbe non tornare” e che la posizione di Pyongyang non cambierebbe anche se gli Stati Uniti volessero ulteriori colloqui.

Trump ha comunque chiarito che lo status quo non cambiera’, con la Corea del Nord che continuera’ a non effettuare test nucleari e missilistici, e gli Stati Uniti che non prenderanno parte ad esercitazioni militari congiunte con la Corea del Sud.

Trump ha poi fornito il resoconto pubblico più dettagliato sui disaccordi con Pyongyang. 

“Dovevamo avere di più, perché c’erano altre cose di cui non abbiamo parlato”, ha detto, chiarendo che uno dei siti di cui stava parlando era un secondo programma di arricchimento dell’uranio nascosto. 

L’interruzione dei colloqui tra i due leader è arrivato all’improvviso. Mercoledì sera tardi la Casa Bianca aveva diffuso piani dettagliati per le sessioni di negoziazione, un pranzo di lavoro e una cerimonia per la firma di un accordo congiunto. Quando i due leader si sono riuniti di nuovo giovedì mattina, tuttavia, sono sembrati cupi e cauti sul fatto che un accordo fosse possibile.

Qualche ora dopo, il summit è stato cancellato. La cerimonia della firma è stata annullata e il pranzo ufficiale non è stato consumato. 

Il segretario di stato americano, Mike Pompeo, ha comunque affermato che i negoziati riprenderanno rapidamente, anche se non sono ancora stati programmati nuovi incontri.

Trump è volato via da Hanoi nel tardo pomeriggio, mentre Kim è rimasto in città per colloqui con la leadership vietnamita.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net