lunedì, Ottobre 18, 2021
Home > Italia > Salute mentale, in Italia ne soffrono 17 persone su 100. Ma in Europa è peggio

Salute mentale, in Italia ne soffrono 17 persone su 100. Ma in Europa è peggio

< img src="https://www.la-notizia.net/pesaro" alt="pesaro"

Roma – In Italia quasi 17 persone su 100 (16,9%) hanno problemi di salute mentali. E’ un indagine dell’Ocse riportata sul sito www.truenumbers.it a rivelare lo stato di salute degli europei, almeno degli abitanti dei 28 dell’Unione Europea.

Per l’Italia ci si può consolare volendo con il fatto che il Belpaese è leggermente sotto la media europea che è del 17,3%. Quando si parla di salute mentale si può trattare di dipendenza dall’alcol o dalle droghe, di disturbi legati all’ansia o alla depressione.

Al primo posto c’è la Finlandia con il 18,8% seguita da Olanda (18,6%) e Francia (18,5%). L’Italia è al 18° posto della classifica dei 28 paesi è in un certo senso l’ultimo paese di quelli occidentali, visto che precede solo i paesi dell’Est Europa. Nelle ultime tre posizione Polonia (14,9%), Bulgaria (14,8%) e in ultima posizione la Romania (14,3%). Resta da capire se è una questione di diagnosi, o di vera e propria “migliore sanità mentale”.

Quanto costano le cure delle malattie mentali? Il dato comprende sia i costi diretti sia quelli indiretti come, per esempio, assegni assistenziali concessi a chi non è in grado di lavorare. La spesa media europea è pari al 4,10% del Prodotto Interno Lordo continentale. In Italia influisce per 3,10% del Pil. Al top la Danimarca con il 5,38%. In fondo sempre la Romania con il 2,12% del Pil.

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net