venerdì, Ottobre 23, 2020
Home > Sport in Pillole > Samb: pesante sconfitta dei rossoblu battuti 4-0 dalla Triestina. Al termine della gara la società ha esonerato Roselli

Samb: pesante sconfitta dei rossoblu battuti 4-0 dalla Triestina. Al termine della gara la società ha esonerato Roselli

< img src="https://www.la-notizia.net/samb" alt="samb"

di Marco De Berardinis

Dopo un buon primo tempo terminato sullo 0-0, la Samb e’ crollata nella ripresa. Le reti segnate da Granoche, doppietta per lui, Costantino e Petrella.

Pesante sconfitta della Samb che esce a testa bassa dal Nereo Rocco di Trieste con un roboante 4-0. Nessuno alla vigilia del match si aspettava un punteggio così pesante anche alla luce del buon punto ottenuto domenica scorsa a Salò. Dopo aver disputato un discreto primo tempo che aveva fermato sul nascere le velleità offensive dei friulani, i ragazzi di Roselli si sono sciolti come neve al sole ad inizio di ripresa sotto i colpi dei due bomber Granoche e Costantino che hanno messo a ferro e fuoco la fragile difesa rivierasca.

Contro gli alabardati il tecnico umbro confermava il collaudato 3-5-2 ed effettuava due soli cambi rispetto alla gara pareggiata a Salò, nello specifico Bove sostituiva Russotto a centrocampo mentre Di Massimo affiancava Stanco in attacco. In casa friulana il tecnico Pavanel confermava per dieci undicesimi la formazione che aveva sbancato il Menti di Vicenza, nello specifico a centrocampo Maracchi sostituiva Steffè.

PRIMO TEMPO

Partivano subito forte i friulani cercando di sorprendere i rossoblu e già al 2’ su una punizione in area calciata da Coletti, Sala in uscita perdeva per un attimo la sfera ma la recuperata togliendola dai piedi di Maracchi pronto a colpirla. Quattro minuti più tardi un tiro di Bariti dalla distanza sibilava il palo e si perdeva sul fondo. Al 18’ gli alabardati reclamavano un calcio di rigore per un atterramento in area di Costantino ad opera di Miceli ma l’arbitro lasciava proseguire. I rossoblu rispondevano al 23′ con un cross in area di Rapisarda per Stanco, ma Offredi usciva e faceva sua la sfera. Al 29’ un tiro a giro dal limite dell’area di Maracchi veniva parato da Sala. La pressione degli alabardati era costante ma seri pericoli Sala non ne correva, di contro i rossoblu cercavano di imbastire azioni pericolose, ma al limite dell’area ospite venivano sistematicamente bloccati dai difensori friulani. Al minuto 37 su punizione ci provava Frascatore ma il suo tiro veniva parato senza difficoltà da Sala. Non succedeva più nulla fino al duplice fischio dell’arbitro che mandava le due squadre negli spogliatoi. La prima frazione di gioco terminava sullo 0-0 con i rossoblu che non avevano sofferto più di tanto gli attacchi dei friulani.

SECONDO TEMPO

Alla ripresa delle ostilità il tecnico dei friulani Pavanel, nel tentativo di sbloccare la gara, mandava in campo un attaccante Petrella per un centrocampista Bariti, passando dal 4-3-1-2 al 4-3-3, ma era la Samb al 5’ ad andare vicina alla segnatura con un colpo di testa di Miceli su punizione battuta da Bove, ma la sfera sfiorava la traversa, era solo un’illusione perché i friulani attaccavano a testa bassa creando occasioni da rete create dal dinamismo del nuovo entrato Petrella. Infatti gli alabardati rispondevano tre minuti più tardi con Granoche il cui colpo di testa ad un passo da Sala mancava clamorosamente il bersaglio grosso per questione di centimetri. Ma il goal era nell’aria ed arrivava puntuale al 56’ con lo stesso Granoche che di testa, su cross del nuovo entrato Petrella, stavolta non sbagliava mettendo la sfera alle spalle di Sala. I friulani insistevano e al minuto 64 raddoppiavano con il bomber Costantino che, servito da Petrella su azione di contropiede, non aveva difficoltà a trafiggere Sala per la seconda volta. I rossoblu non riuscivano a reagire andando letteralmente in barca, mentre i friulani continuavano ad attaccare ottenendo anche la terza segnatura al 69’ ad opera di Petrella, stavolta era Granoche che si liberava agevolmente di Fissore sulla destra per servire Petrella con un cross in area, l’ex attaccante del Teramo ben appostato sul secondo palo metteva dentro la sfera del 3-0. I rossoblu avevano un sussulto al 73’ con Signori che serviva in profondità il nuovo entrato Calderini, ma l’ex Foggia solo davanti ad Offredi calibrava male il pallonetto e la sfera terminava alta sopra la traversa. Con i rossoblu sbilanciati in avanti per la Triestina era un gioco da ragazzi arrivare dalle parti di Sala, infatti al minuto 74, in contropiede calavano il poker con Granoche che si beveva tutta la difesa rossoblu e trafiggeva Sala con un diagonale sul palo più lontano. All’82’ Steffè dal limite sfiorava il palo. Nei minuti finali del match la Triestina controllava la gara senza problemi mentre la Samb era incapace di una qualsiasi reazione. Il triplice fischio finale del signor Rutella certificava la pesante sconfitta dei rossoblu in terra friulana per 4-0. Al termine della gara il tecnico Roselli è stato sollevato dall’incarico da parte della società rivierasca. Domani si saprà il nome del nuovo allenatore

Questo il tabellino della gara Triestina – Sambenedettese.

TRIESTINA (4-3-1-2):  Offredi; Libutti, Malomo (85’ Codromaz), Lambrughi ©, Frascatore; Maracchi (78’ Formiconi), Coletti, Bariti (46’ Petrella); Procaccio (67’ Steffè); Costantino (85’ Hidalgo), Granoche. A disp.: Boccanera, Matosevic, Pizzul, Gubellini, Bolis, Marzola, Messina. All.: M. Pavanel

SAMBENEDETTESE (3-5-2):  Sala; Celjak, Miceli, Biondi (59’ Cecchini); Rapisarda ©, Bove (69’ Signori), Gelonese (80’ Caccetta), Ilari (69’ Rocchi), Fissore; Di Massimo (59’ Calderini), Stanco. A disp.: Pegorin, Rinaldi, D’Ignazio, Rea, Russotto. All.: G. Roselli

ARBITRODaniele Rutella di Enna. Giudici di linea: Pappagallo/Abruzzese

NOTE: Giornata primaverile, temperatura di 18° C. circa, terreno di gioco in ottime condizioni. Spettatori 3.500 circa, di cui 100 giunti da San Benedetto. Triestina con casacca rossa e pantaloncini bianchi, Samb con casacca bianca e pantaloncini blu, con bande orizzontali rossa e blu sulle maglie.

MARCATORI: 56’ 74’ Granoche (T.), 64’ Costantino (T.), 69’ Petrella (T.)

AMMONITI: 49′ Costantino (T.), 61’ Bove (S.), 62’ Libutti (T.),

ANGOLI5 – 3

RECUPERO: 1° T. 0’ – 2° T. 3’

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *