mercoledì, Gennaio 19, 2022
Home > Italia > Camera, la proposta leghista: “Rendere piu’ semplice l’acquisto delle armi”. Di Maio: “Io un Paese così non lo voglio”

Camera, la proposta leghista: “Rendere piu’ semplice l’acquisto delle armi”. Di Maio: “Io un Paese così non lo voglio”

di maio

“Mettiamo un attimo i puntini sulle i: io un Paese con la libera circolazione delle armi non lo voglio. Non lo vuole il MoVimento 5 Stelle e sono sicuro non lo vogliano nemmeno gli italiani.
Se mai un giorno avrò la fortuna di avere un figlio, voglio che vada a scuola sereno e tranquillo, che da adolescente passi il tempo a studiare e a viversi la vita, non che trovi il modo di comprarsi facilmente una pistola. Abbiamo fin troppi problemi da risolvere in questo Paese, non aggiungiamone altri.
Pensiamo alle imprese e a creare nuovi posti di lavoro, piuttosto. L’Italia ha bisogno di questo, di più opportunità per i giovani, di più facilitazioni per chi vuole fare figli, di più sostegno alle famiglie, non di più armi.

C’è una proposta di legge firmata da 70 deputati in Parlamento che punta a facilitare l’acquisto di armi per la difesa personale. Nessun eletto del MoVimento la voterà. Nessuno! Anche perché più sicurezza non vuol dire certo più armi in strada, al contrario. Andiamo avanti col contratto di governo, rispettando la volontà dei cittadini”. Queste le parole con cui Luigi Di Maio risponde su Facebook alla proposta della deputata del Carroccio Vanessa Cattoi di rendere più agevole l’iter per acquistare un’arma destinata alla difesa personale, aumentando da 7,5 a 15 joule il discrimine tra le armi comuni da sparo e quelle per le quali non è necessario il porto d’armi.

“Procurarsi un’arma da fuoco, nel nostro Paese – sostiene la deputata del Carroccio – non è un’operazione molto semplice, almeno per chi vuole farlo nel rispetto delle norme vigenti”.

Proprosta bocciata senza possibilita’ di appello da Luigi Di Maio, che stavolta davvero non ci sta.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net