venerdì, Novembre 27, 2020
Home > Italia > Difesa “sempre” legittima: pene severe per i reati contro la sicurezza della persona

Difesa “sempre” legittima: pene severe per i reati contro la sicurezza della persona

< img src="https://www.la-notizia.net/legittima" alt="legittima"

di Avv. Gian Luigi Pepa

La legittima difesa è un esimente di reato, che ricorre nei casi di pericolo imminente di difendere se stessi o altri, a condizione che la difesa sia proporzionata all’offesa.

La giurisprudenza che ne è nata negli anni, ha fondato l’esame sulla proporzionalità tra aggressione ingiusta e reazione legittima.

Pertanto il rapporto tra causa ed effetto deve essere contestuale ed immediata, senza che vi interceda un pensiero postumo, una riflessione, un elemento esterno che crei uno squilibrio tra azione e reazione, escludendo, quindi, la vendetta o la premeditazione.

Inoltre, nel caso di violazione di domicilio (abitazione o attività commerciale, professionale, imprenditoriale), la medesima proporzione dovrà essere valutata se colui che è legittimamente presente utilizza un arma (propria o impropria), ancorché detenuta regolarmente, per difendere

a) la propria o la altrui incolumità:

b) i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione.

Le varie fattispecie venivano rimesse all’interpretazione della magistratura che valutava la sussistenza degli elementi essenziali della legittima difesa, cioè l’insorgenza del pericolo attuale, dell’aggressione ingiusta e della reazione difensiva a tutela dell’incolumità, ma che sia in proporzione all’offesa.

La vittima dell’aggressione, non voleva commettere un reato, ma ha esagerato nel rapporto proporzionale tra difesa ed offesa, con un errata reazione colposa.

L’onere della prova è l’elemento fondante del processo, ed in tal caso chi vanta il diritto di difesa ha l’onere di provare la proporzionalità, per ottenere la scriminante.

E’ solo il libero convincimento del giudice ha tener conto dei fatti e circostanze e per tali motivi nel tempo sono state emesse sentenza che hanno creato scompiglio nell’opinione pubblica, tanto da creare i presupposti della legge di riforma varata oggi.

Il primo punto era quello di togliere la discrezionalità assoluta dei giudicanti di fatti e circostanze, con l’introduzione del principio “La difesa sempre legittima”, che precisa che nei casi di difesa domiciliare si considera “sempre” permanente il rapporto di proporzionalità tra difesa ed offesa.

Anzi, viene introdotto un ulteriore comma che considera “sempre in stato di legittima difesa” chi si difende entro il proprio domicilio, nel senso ampio sopra precisato, da azioni violente, da minacce con armi e mezzi di coazione.

Inoltre, non verrà più punito chi reagisce con eccesso colposo nella difesa domiciliare, “trovandosi in condizione di minorata difesa o in stato di grave turbamento, derivante dalla situazione di pericolo, commette il fatto per la salvaguardia della propria o altrui incolumità“, dove si valuterà la reazione di chi è fisicamente più debole, o in ambienti privi di luce.

Viene inserito il risarcimento dei danni a carico di chi viene condannato per furto in appartamento, la cui sospensione condizionale della pena è rimessa al pagamento integrale della persona offesa, cioè se paghi potrai ottenerla.

E’ inoltre previsto un aumento delle pene:

  • per chi viola il domicilio altrui o commette violenze sulle cose o persone, ancor più se il reo è armato

  • il furto in abitazione e furto con scasso, con un aggravio di pena

  • la multa e la rapina.

Viene anche esclusa l’ipotesi che la vittima della legittima difesa domiciliare, sia costretta a risarcire, in sede civile, il reo, in caso di assoluzione in sede penale.

Nulla è perfetto, ma tutto è perfettibile, l’importante era togliere la vittima dalla discrezionalità di valutazioni soggettive della magistratura, dal rapporto aggressione ingiusta e reazione legittima, ed eccesso colposo, sino all’indennizzo di chi usurpa spazi privati a carico delle vittime della violenza, laddove è già un atto violento l’usurpare il domicilio altrui: “casa dolce casa”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *