martedì, Novembre 30, 2021
Home > Abruzzo > Cittadinanzattiva incontra il Sottosegretario alla Ricostruzione Vito Crimi

Cittadinanzattiva incontra il Sottosegretario alla Ricostruzione Vito Crimi

< img src="https://www.la-notizia.net/cittadinanzattiva" alt="cittadinanzattiva"

A seguito della richiesta avanzata da Cittadinanzattiva, il 21 marzo scorso una delegazione di Cittadinanzattiva composta dalla Vice Segretaria Nazionale Annalisa Mandorino, dal Coordinatore Provinciale di Teramo Mauro Chilante e dal quello dell’Aquila Paolo Tella si è incontrata a Roma con il Sottosegretario alla Ricostruzione Sen.re Vito Crimi.

Tema dell’incontro è stato l’emanando Decreto concernente il sisma del 2016.

L’incontro è stato informale e costruttivo ed è durato oltre un’ora.

Cittadinanzattiva ha posto innanzi tutto l’accento sulla necessità che le decisioni della Cabina di Regia del sisma vengano discusse con le organizzazioni dei cittadini portatrici di interessi diffusi prima di vedere la luce ed ha richiesto che la ricostruzione delle scuole, in particolare, avvenga in modo partecipato. Il Sen.re Crimi ha mostrato interesse verso queste proposte.

Ogni punto del documento che è stato consegnato (e che si allega), tuttavia, ha formato oggetto di riflessione comune.

Intanto si è appreso che il Decreto verrà agganciato allo Sblocca cantieri, fatto per il quale potrebbe vedere la luce tra pochi giorni.

Cittadinanzattiva ha particolarmente insistito sul fatto che vengano mantenute le norme di cui all’art. 6 ed 8 della bozza di decreto. La prima quella che indica, quale unica scelta per il ripristino delle Scuole, l’adeguamento strutturale nel rispetto delle norme tecniche di attuazione e l’altra che dà ai Commissari il mandato a predisporre dei piani di intervento. A questa pianificazione, al fine di favorirla, CA ha avanzato la richiesta che venga previsto il finanziamento di Scuole di rotazione o jolly che ospitino gli studenti in attesa del completamento dei lavori sulle strutture in adeguamento. CA ha anche sottolineato il fatto che sono ora in corso flussi di denaro rivolti al solo miglioramento delle strutture ed ha chiesto che si trovi la modalità perché questo flusso venga interrotto e la destinazione delle somme ridiscussa tra Enti erogatori ed Enti Locali essendo in contrasto con la nuova norma in emanazione.

CA si è anche fatta portavoce delle istanze riportate nel documento allegato che Provincia, Comune ed ordini professionali avevano affidato al Dr. Chilante alcuni giorni prima dell’incontro. Oltre a ciò ha anche posto l’accento sulla condizione nella quale versano i tecnici teramani che sono stati costretti da due anni a questa parte ad anticipare somme considerevoli per spese di progettazione senza aver ricevuto alcuna risposta da parte dell’USR e senza poter attingere alle anticipazioni pur previste per legge.

Particolare interesse è stato rivolto dal Senatore Crimi rispetto alla mancata attuazione, da parte delle Regioni, del dettato dell’Ordinanza Commissariale n. 36 dell’8 settembre 2017 che prevede norme sulla partecipazione.

Infine, eguale interesse ha sollecitato la proposta riguardante la piena attivazione ed anticipazione del sisma bonus.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net