mercoledì, Novembre 25, 2020
Home > Mondo > Erdogan vince le elezioni amministrative turche ma perde Ankara

Erdogan vince le elezioni amministrative turche ma perde Ankara

< img src="https://www.la-notizia.net/erdogan" alt="erdogan"

Il presidente Erdogan ha vinto le elezioni amministrative turche con il 56 per cento dei voti ma ha perso Ankara, che ora e’ in mano all’opposizione e rischia anche Istanbul, dove e’ testa a testa ed entrambi i candidati si sono dichiarati vincitori. Il voto ieri e’ stato accompagnato da gravi episodi di violenza, Quattro i morti, decine i feriti.

Parlando nel corso di una conferenza stampa a Istanbul, Erdogan ha riconosciuto che il  suo partito aveva perso il controllo in diverse città e ha promesso che si sarebbe concentrato sull’attuazione delle riforme economiche.

Murat Yetkin, analista politico turco, ha dichiarato ad Al Jazeera che “se l’alleanza del partito AK-MHP guidata da Erdogan perde Istanbul [insieme ad Ankara], ciò significa perdita di controllo su grandi città della Turchia”.

“I risultati mostrano anche che il sistema presidenziale esecutivo, progettato per evitare le coalizioni, ha portato ad una coalizione di fatto, dal momento che il Partito AK non può mantenere la maggioranza senza la sua collaborazione simbiotica con MHP.”

Ieri sera Erdogan ha commentato i : «L’Akp — ha detto — si conferma quello che è dal 2002 ad oggi è sempre stato: il primo partito in Turchia. Abbiamo perso in alcune città ma questa è l’essenza della democrazia”. E ha aggiunto: “Ora abbiamo davanti a noi quattro anni e mezzo di lavoro perché le prossime elezioni saranno nel 2023”.

Ozgur Dilber, membro del CHP, ha detto che i risultati hanno mostrato che la popolarità del partito AK stava diminuendo, anche se il blocco di Erdogan ha vinto a Istanbul.

“Per me, i risultati sono la prova che il numero di elettori che vogliono cambiare è in aumento”, ha detto ad Al Jazeera al di fuori dell’ufficio di monitoraggio elettorale del partito.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *