domenica, Novembre 28, 2021
Home > Mondo > Venezuela, revocata l’immunità a Guaidò

Venezuela, revocata l’immunità a Guaidò

< img src="https://www.la-notizia.net/Guaidò" alt="Guaidò"

L’Assemblea Costituente ha revocato l’immunità parlamentare a Guaidò e ha autorizzato la Corte Suprema a perseguirlo penalmente. Guaidò è accusato di usurpazione di potere. Lo ha annunciato il presidente dell’Assemblea, Diosdado Cabello, precisando che il voto è stato all’unanimità. L’Assemblea costituente è l’organismo legislativo fedele al regime di Maduro. Fatta insediare da Maduro nel 2017, è stata eletta dai cittadini ma senza la partecipazione dell’opposizione. “Nessuno ci fermerà”, ha commentato Guaidò.

La Corte Suprema del Venezuela in precedenza vietò a Guaidò di lasciare il paese. Tuttavia, il 22 febbraio, si è recato nella città di confine di Cucuta, in Colombia, che ospita un centro di distribuzione di aiuti umanitari. Guaidò è tornato in Venezuela dopo aver visitato Brasile, Paraguay, Argentina ed Ecuador.

Crisi del Venezuela

Il 23 gennaio, Juan Guaidò, leader dell’opposizione venezuelana e oratore del parlamento, la cui nomina a quella carica era stata annullata dalla Corte Suprema del paese, si è dichiarato presidente ad interim in una manifestazione nella capitale del paese di Caracas

Diversi paesi, tra cui gli Stati Uniti, i membri del gruppo di Lima (escluso il Messico), l’Australia, l’Albania, la Georgia e Israele, nonché l’Organizzazione degli Stati americani, lo riconobbero. Il presidente venezuelano Nicolas Maduro, a sua volta, ha gridato al colpo di stato messo in scena da Washington e ha detto che avrebbe tagliato i rapporti diplomatici con gli Stati Uniti. Il 4 febbraio, la maggior parte degli stati membri dell’Unione Europea ha riconosciuto Guaidò come presidente ad interim del Venezuela

Al contrario, Russia, Bielorussia, Bolivia, Iran, Cuba, Nicaragua, El Salvador, Siria e Turchia hanno espresso il loro sostegno a Maduro, mentre la Cina ha chiesto di risolvere pacificamente tutte le divergenze e ha messo in guardia contro le interferenze straniere. Il segretario generale delle Nazioni Unite, a sua volta, ha chiesto il dialogo per risolvere la crisi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net