venerdì, Febbraio 26, 2021
Home > Mondo > Trump chiama Haftar per discutere di una “visione condivisa per la Libia”

Trump chiama Haftar per discutere di una “visione condivisa per la Libia”

< img src="https://www.la-notizia.net/haftar" alt="haftar"

Questa settimana, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha parlato con il signore della guerra Khalifa Haftar, che sta cercando di rovesciare il governo appoggiato dalle Nazioni Unite: a riferirlo la Casa Bianca.

Trump “ha riconosciuto il ruolo significativo del generale Haftar nella lotta al terrorismo e nella sicurezza delle risorse petrolifere della Libia, e i due hanno discusso di una visione condivisa per la transizione della Libia verso un sistema politico stabile e democratico”.

La Casa Bianca ha affermato di aver discusso anche “gli sforzi in corso contro il terrorismo e la necessità di raggiungere la pace e la stabilità in Libia”.

Questo mentre Mentre Fayez Serraj, premier designato quattro anni fa dall’Onu per guidare il processo di rappacificazione, aspettava una mossa forte con cui gli Stati Uniti potessero condannare Haftar e la sua aggressione.

La risoluzione, secondo la Russia, era troppo severa con Haftar. Invece non è stato ben chiaro il motivo per cui gli americani non l’hanno supportata, dopo che nei giorni scorsi sembravano fare pressioni in questa direzione.

Haftar era tra gli ufficiali che aiutarono il colonnello Muammar Gheddafi a salire al potere nel 1969, ma cadde con lui durante la guerra in Libia con il Ciad negli anni ’80. Haftar fu fatto prigioniero dai ciadiani e dovette essere salvato dalla CIAHa vissuto per circa 20 anni nello stato americano della Virginia prima di rientrare nel 2011 per unirsi ad altri ribelli nella rivolta che ha espulso Gheddafi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *