martedì, Maggio 18, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film consigliato stasera in TV: “STAR WARS: UNA NUOVA SPERANZA” lunedì 22 aprile 2019

Il film consigliato stasera in TV: “STAR WARS: UNA NUOVA SPERANZA” lunedì 22 aprile 2019

Il film consigliato stasera in TV: “STAR WARS: UNA NUOVA SPERANZA” lunedì 22 aprile 2019 alle 21:30 su ITALIA 1 

Guerre stellari (Star Wars), noto anche come Star Wars: Episodio IV – Una nuova speranza (Star Wars: Episode IV – A New Hope), è un film del 1977 scritto e diretto da George Lucas, il primo della fortunata saga cinematografica fantascientifica di Guerre stellari ideata da Lucas.

Il film compone la prima parte della Trilogia Originale (episodi IV, V e VI), alla quale è seguita la Trilogia Prequel (episodi I, II e III), prequel della trilogia originale, e vede come protagonisti Mark Hamill, Harrison Ford, Carrie Fisher,Peter Cushing, Alec Guinness, David Prowse, James Earl Jones, Anthony Daniels, Kenny Baker e Peter Mayhew.

Il film, ambientato diciannove anni dopo la fondazione dell’Impero Galattico, narra le avventure dello Jedi Luke Skywalker e del suo maestro Obi-Wan Kenobi, impegnati nella lotta contro il Lato Oscuro della Forza a fianco dell’Alleanza Ribelle, guidata dalla Principessa Leila, in modo da porre fine al potere dell’Imperatore Palpatine sulla Galassia. Le riprese iniziarono il 22 marzo 1976 e finirono il 16 luglio 1976; le sequenze principali ebbero luogo agli Elstree Studios di Londra, mentre gli esterni sono stati girati negli Stati Uniti, Guatemala e Tunisia.

Guerre Stellari venne distribuito nelle sale cinematografiche a partire dal 25 maggio 1977. Il film ha incassato oltre 461 milioni di dollari nei soli Stati Uniti d’America e 334 milioni nel resto del mondo, per un totale complessivo di 775 milioni di dollari a livello globale. Il suo successo lo rese il film dal maggior incasso nella storia del cinema, superando gli incassi di Lo squalo di Steven Spielberg del 1975, fino all’uscita di E.T. l’extra-terrestre nel 1982. Nel Nord America, secondo il tasso d’inflazione, Guerre stellari rimane tutt’oggi il secondo film dal maggior incasso di sempre, dopo Via col vento, e il terzo maggior incasso a livello mondiale, sempre dopo Via col vento e Avatar. Il film ricevette numerosi riconoscimenti, tra cui dieci candidature ai Premi Oscar 1978, vincendone sette (tra cui migliore montaggio, migliore scenografia,migliori costumi, migliori effetti speciali, migliore colonna sonora e miglior sonoro), con aggiunto l’Oscar alla carriera assegnato a Ben Burtt per il suo contributo nell’ambito degli effetti visivi.

La colonna sonora del film, composta da John Williams ed eseguita dallaLondon Symphony Orchestra, ha ricevuto due dischi di platino negli Stati Uniti e nel Regno Unito e due Grammy Award per la Best Score Soundtrack for Visual Media e Best Pop Instrumental Performance. Nel 1998, l’American Film Institute ha inserito Star Wars al 1º posto dell’AFI’s Years of Film Scores. Nel2003, lo stesso organo ha collocato il film al 13º posto nella sua lista dei 100 migliori film di tutti i tempi.

Nel corso degli anni, il film ha acquisito sempre maggior popolarità, divenendo ben presto uno dei più emblematici blockbuster di tutti i tempi e scatenando un enorme fenomeno culturale senza precedenti in ogni parte del mondo, attirando un numero considerevole di appassionati e fan club. I costumi, le scene d’azione e le musiche sono diventati punti di riferimento per tutti coloro che tutt’oggi creano opere di fantascienza, influendo sui lavori di grandi cineasti, come Ridley Scott, Christopher Nolan, Peter Jackson, James Cameron, Gareth Edwards, J.J. Abrams, David Fincher e molti altri. Nel 1989,Guerre stellari è stato scelto per essere conservato all’interno del National Film Registry presso la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d’America, mentre nel 2007 la Visual Effects Society lo ha inserito al 1º posto della VES 50, riportante i 50 film più importanti nel campo degli effetti visivi.

 

«A long time ago, in a galaxy far, far away…» (IT)«Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…»
(Incipit di ogni film della saga.)

Sono trascorsi diciannove anni dalla fondazione dell’Impero Galattico. Dal Palazzo Imperiale di Coruscant, il malvagioImperatore ha rafforzato il suo potere sulla Galassia nelle vesti di monarca assoluto, e il suo misterioso allievo, Lord Dart Fener,[5] seguace del Lato Oscuro della Forza e capo della Flotta Stellare Imperiale, è impegnato a spezzare le ultime resistenze.

L’Impero ha però trovato un tenace nemico nell’Alleanza Ribelle, composta dai senatori, dai governi e dalle forze armate planetarie dei mondi rimasti fedeli alla Vecchia Repubblica, che si sta rinforzando sempre di più grazie alla guida della senatrice Mon Mothma e ai successi diplomatici della giovane Principessa Leila Organa.[6] Scoperta l’astronave della principessa, i soldati imperiali irrompono al suo interno in cui scoppia una battaglia con i Ribelli che vengono trucidati dai soldati e successivamente, dal fumo della battaglia Fener fa la sua prima apparizione e la principessa Leila viene catturata dalle forze imperiali. Prima che i soldati dell’esercito imperiale conquistino la sua astronave, però, Leila riesce a trasmettere un messaggio nella memoria del piccolo droide astromeccanico C1-P8 che, accompagnato dal droide protocollare D-3BO, sale su un guscio di salvataggio e giunge sul torrido e desertico Tatooine alla ricerca di Obi-Wan Kenobi, un Cavaliere Jedi.

I due droidi vengono tuttavia catturati dai Jawa, piccoli umanoidi rottamai, e venduti a Owen Lars, un agricoltore che vive insieme alla moglie Beru e al giovane nipote Luke Skywalker, figlio dello scomparso Cavaliere Jedi Anakin Skywalker, il quale scopre la loro provenienza e la loro necessità di incontrare il vecchio Obi-Wan Kenobi, che conosce da molti anni col nome di Ben, un vecchio ritenuto da tutti solo uno stregone pazzo che vive da eremita.

Quando C1-P8 fugge per cercare da solo Obi-Wan, Luke e D-3BO lo inseguono a bordo di un landspeeder e durante l’attacco dei predoni Tusken vengono salvati proprio dall’anziano Cavaliere Jedi, che riceve il messaggio di aiuto della principessa rapita e i piani rubati dai Ribelli della Morte Nera, una stazione spaziale da combattimento grande come una luna e con una potenza di fuoco tale da distruggere un intero pianeta.

Chewbecca, Luke, Obi-Wan e Ian a bordo del Millennium Falcon in una scena del film

Luke apprende dal vecchio Obi-Wan di suo padre Anakin Skywalker, un allievo esemplare, un grande amico, un ottimo guerriero e pilota che era stato ucciso dal suo perfido compagno Dart Fener. Questi, che era stato allievo di Kenobi prima di volgersi al male, aiutò l’Impero a dare la caccia ai Cavalieri Jedi e a distruggerli. In seguito Obi-Wan dona a Luke la spada laser (l’arma degli Jedi) appartenuta a suo padre, dicendogli che lui stesso avrebbe voluto che la prendesse non appena avesse raggiunto l’età giusta. Tornando a casa il ragazzo scopre che le Truppe d’Assalto Imperiali hanno inseguito i droidi e, non trovandoli, hanno bruciato vivi Owen e Beru nella loro fattoria, ridotta in cenere. Luke, ormai privo di ogni motivo per restare su Tatooine, accetta di seguire Obi-Wan alla volta di Alderaan e di apprendere la dottrina Jedi.

I fuggitivi giungono al porto spaziale di Mos Eisley alla ricerca di un’astronave su cui imbarcarsi per raggiungere Alderaan e riuscendo ad entrare grazie ai poteri di Kenobi che convince le guardie imperiali a farli passare. Poco dopo raggiungono una taverna piena di alieni e umanoidi provenienti da diversi pianeti della Galassia; uno di questi, un balordo di nome Evazan, provoca e aggredisce Luke che viene salvato da Ben che gli mozza una mano con la spada laser, dimostrando la sua maestria nell’uso di tale arma. Finalmente i due sembrano aver trovato l’aiuto necessario in Ian Solo[7] che è pilota delMillennium Falcon e col suo amico e copilota Chewbecca, uno Wookiee alto più di due metri, lavora come contrabbandiere al soldo del potente gangster Jabba the Hutt, col quale è pesantemente indebitato e che ha messo una taglia su di lui. Infatti, prima di andarsene, s’imbatte nel cacciatore di taglie Rodiano Greedo, il quale gli punta un blaster chiedendogli i soldi che doveva a Jabba. Ian gli spara da sotto il tavolo uccidendolo, per poi pagare il barista Wuher e scusandosi “per aver sporcato”. Ian quindi esce dal locale per raggiungere l’hangar in cui è ormeggiata l’astronave e partire insieme al gruppo con il Falcon, riuscendo a seminare sia le guardie imperiali inviate a catturarli sia due cacciatorpedinieri stellari che tentano di intercettarli appena fuori dal pianeta.

Sulla Morte Nera, frattanto, lo spietato Governatore Tarkin minaccia la principessa Leila, condotta prigioniera sulla stazione: se lei non rivelerà la posizione della base da cui l’attacco alla flotta imperiale ha avuto luogo, lui impartirà l’ordine di distruggere il pianeta Alderaan, nel cui sistema sono già giunti da poche ore. Leila rivela così la notizia (poi rivelatasi falsa) secondo cui la base è sul pianeta Dantooine, situato nell’Orlo Esterno della Galassia (dove in realtà si trovano le rovine di una base abbandonata da tempo). Tarkin, con efferata spietatezza, impartisce ugualmente l’ordine di distruggere Alderaan, dato che Dantooine è troppo lontano perché la notizia della sua distruzione possa seminare il terrore tra i Ribelli.

Subito dopo la distruzione del pianeta, il Millennium Falcon raggiunge il campo di asteroidi da essa creato, venendo catturato con un raggio traente dalla Morte Nera. La nave viene condotta in un hangar e per evitare di essere scoperti Obi-Wan, Luke, Ian, Chewbecca e i droidi si nascondono nei compartimenti segreti della nave usati per il contrabbando. Mentre il Maestro Jedi è impegnato a disattivare il generatore del raggio traente al fine di consentire la fuga al Falcon, Luke e Ian scoprono che la principessa Leila è prigioniera in una cella a bordo della nave. Travestitisi da Assaltatori Imperiali e fingendo di dover trasferire un prigioniero (Chewbecca), si dirigono nell’area di detenzione. I tre si ritrovano combattere contro i soldati di guardia nella sala comunicazioni che non credono alla confusa spiegazione data da Ian Solo. Ian cerca di dialogare con la sala controllo, messa in allarme dagli spari, ma alla fine, non sapendo che dire, spara al comunicatore pronunciando la celebre frase: “conversazione noiosa comunque”. Poco dopo Luke trova Leila e riescono a liberarla per poi essere intrappolati in una fossa con dei rifiuti (in cui si sono gettati per sfuggire ai soldati intervenuti per catturarli), perseguitati da un mostro tentacolare (una Dianoga). I quattro sembrano essere spacciati per via della pressa per lo schiacciamento dei rifiuti della fossa che si attiva e che viene bloccata da C1-P8 che riesce a forzare il computer che controlla i sistemi di bordo della Morte Nera. I tre ne escono indenni, ma raggiunti dai soldati imperiali devono dividersi. Luke e Leila si ritrovano rinchiusi dietro una porta (poiché dietro di essa si trova una truppa imperiale) con di fronte un pozzo di servizio che porta direttamente al centro della Morte Nera. Luke uccide alcuni soldati alla posta di fronte per poi raggiungerla con un rampino prima che la porta si riapra. Ian e Chewbecca si trovano inseguiti da una truppa imperiale da loro attirata per far scappare Luke e Leila.

Intanto, per la prima volta dopo molti anni, Obi-Wan e Dart Fener si incontrano nuovamente, affrontandosi in un duello nel quale il vecchio maestro si fa uccidere dall’ex-allievo (per consentire a Luke e gli altri di fuggire), scomparendo dinanzi ai suoi occhi per divenire un tutt’uno con la Forza, lasciando solo la sua spada laser e la sua tunica sul pavimento. Luke vede la scena e, disperato per la perdita del Maestro, uccide alcuni dei soldati imperiali che assistevano allo scontro, ma inizia a percepire la voce di Obi-Wan che gli dice di correre verso il Falcon per fuggire.

Ian, Luke, Leila, Chewbecca, C1-P8 e D-3BO fuggono a bordo del Millennium Falcon dopo aver affrontato alcuni caccia imperiali, ma sono coscienti di essere stati lasciati andare perché l’Impero possa identificare una base da attaccare. Giunti sulla quarta luna del pianeta Yavin, si riuniscono agli altri soldati ribelli e si preparano ad attaccare la Morte Nera, il cui reattore principale è abbastanza poco protetto da poter essere distrutto in un’azione audace di un piccolo caccia, causando una reazione a catena che farà esplodere l’intera stazione spaziale. Appena la Morte Nera giunge presso il sistema del pianeta, viene attaccata dai piloti ribelli a bordo dei loro caccia stellari X-wing e Y-wing che, abbastanza piccoli per sfuggire ai turbolaser e alle doppie torrette incorporate della Morte Nera, vengono abbattuti dalle pattuglie di caccia stellari TIEcomandate personalmente da Dart Fener; tra le vittime figura anche Biggs Darklighter, amico d’infanzia di Luke. Ora quest’ultimo, tra i pochi piloti ribelli superstiti, è l’unico pilota che si trovi nella condizione di attaccare il reattore. Nel corso di una disperata corsa nel canalone equatoriale della Morte Nera il suo caccia viene individuato da Dart Fener che decide di intervenire personalmente.

Luke all’ultimo momento ode la voce del defunto Obi-Wan che lo convince ad attaccare usando come guida solo la Forza e non il computer d’attacco dell’astronave. Fener capisce che la Forza è potente nel ragazzo, ma un istante prima che possa abbattere il caccia di Luke, il suo TIE viene danneggiato dal Millennium Falcon pilotato da Ian Solo, ritornato ad aiutare l’amico. Fener perde controllo della sua navicella, che va alla deriva nello spazio. Luke può fare fuoco e i suoi siluri finiscono direttamente nel reattore innescando una reazione a catena: La Morte Nera esplode nel momento in cui sta per fare fuoco su Yavin. Delle forze Imperiali che ospitava, si salva solo Dart Fener, che con il suo caccia sfugge nell’oscurità dello spazio.

Anche se hanno ottenuto una vittoria importante, la battaglia dei Ribelli contro il potente e temuto Impero è appena cominciata.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Mark Hamill nel 1978 durante lapremière di F.I.S.T. L’attore, che nel film impersona Luke Skywalker, raggiunse la fama mondiale grazie a Guerre stellari, ruolo che lo immortalò nellastoria del cinema

Harrison Ford al Deauville American Film Festival nel 2009. Venne scelto da Lucas su consiglio dell’amico Steven Spielberg e solo dopo il rifiuto degli attori inizialmente pensati per interpretare il personaggio di Ian Solo

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La genesi[modifica | modifica wikitesto]

George Lucas, ideatore della saga di Guerre stellari, il 6 settembre 2009 sul red carpet durante la 66ª Mostra del cinema di Venezia

Diversi elementi riguardanti gli eventi antecedenti alla produzione di Guerre stellari sono sempre rimasti nell’ombra, per volere del creatore George Lucas,[8] convinto che tale scelta avrebbe potuto arricchire l’aura di mistero che ha sempre aleggiato sul film.[9][10] Una delle teorie più accreditate al riguardo era quella secondo cui Lucas avrebbe voluto rilanciare il genere space opera,[11] creando un miscuglio tra cinema, televisione e fumetti, prendendo ispirazione da Flash Gordon, un popolare fumetto degli Anni Cinquanta,[12] di cui Lucas era un appassionato lettore da giovane.[13] Il suo primo film per la Warner Bros., L’uomo che fuggì dal futuro, realizzato insieme all’amicoFrancis Ford Coppola agli American Zoetrope nel 1971, fu seguito da American Graffiti nel 1973, in cui Lucas volle ripercorrere la sua adolescenza in una cittadina della California attraverso gli occhi di un giovane ragazzo americano.[14][15]

Nel maggio del 1973, durante il Festival di Cannes, dopo aver fatto proiettare fuori concorso la première di L’uomo che fuggì dal futuro,[16] la United Artists offrì a Lucas un contratto che gli avrebbe garantito un sostegno finanziario per il suo prossimo film, un’opera totalmente incentrata sulle avventure di Flash Gordon, ancora in fase di sviluppo e senza la stesura definitiva.[17] Nello stesso anno, tuttavia, rinunciò all’idea di acquistare i diritti dell’omonimo serial cinematograficoFlash Gordon del 1936.[18] Il regista avrebbe reso le sue motivazioni di dominio pubblico solo in un’intervista per il TIME nel 1999:

«All’epoca, ero affascinato dall’idea di fare una specie di remake di Flash Gordon, con i dialoghi e tutto, ma non sono riuscito ad ottenere i diritti per i personaggi. Così feci qualche ricerca, e scoprii che Alex Raymond aveva tratto ispirazione dalle opere di Edgar Rice Burroughs (autore di Tarzan delle scimmie), e specialmente dalla serie di libri John Carter di Marte. A sua volta, la serie fu lo sviluppo di Gulliver su Marte, pubblicato nel 1905. Questa fu l’unica storia del genere che riuscii a trovare. Giulio Verne poi, si era prefissato un progetto che non ebbe mai la possibilità di cominciare: un eroe in lotta contro le creature dello spazio. Un nuovo genere sviluppato ed estratto dal genio della sua mente.[19][20][21]»

Lo Skywalker Ranch a Nicasio, in California, luogo in cui Lucas lavorò per diversi anni prima di dar vita a Guerre stellari

Dopo aver cercato invano di acquisire i diritti per il film di Flash Gordon, Lucas venne accompagnato dall’amico Francis Ford Coppola all’entrata dell’MGM Tower, sede della celebre Metro-Goldwyn-Mayer, per mostrare ai direttori il copione diAmerican Graffiti.[18] L’esito non fu positivo, e con esso Lucas vide dissolversi le sue possibilità di diventare un artista affermato.[22] Assieme ad American Graffiti, il regista aveva portato con sé anche un altro sunto, che però reputava non abbastanza convincente, e che perciò aveva represso nella sua vasta libreria di film scartati.[23][24] Si trattava di The Star Wars, una raccolta di 14 pagine, scritta insieme all’amico e partner produttivo Gary Kurtz e finita il 25 maggio 1973 allo Skywalker Ranch, il ranch cinematografico personale di Lucas, situato sulle colline di Nicasio, nella Contea di Marin, California.[25] Dopo aver trascorso i successivi due anni per la lavorazione ad American Graffiti (che nel frattempo era stato accettato dall’Universal Pictures), Lucas perse interesse verso The Star Wars.[8]

Il processo di scrittura della sceneggiatura originale di The Star Wars ebbe origine nel gennaio del 1973.[26] Nel corso di tre anni, Lucas e Kurtz rimasero rinchiusi all’interno dello Skywalker Ranch per otto ore al giorno, cinque giorni a settimana.[27]Durante questo travagliato periodo, Lucas avrebbe scartato diverse parti del trattamento, inclusi nomi di personaggi, droidi e pianeti, per poi inserirli alcuni decenni dopo nelle stesure finali della Trilogia Prequel (Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma, Star Wars: Episodio II – L’attacco dei cloni e Star Wars: Episodio III – La vendetta dei Sith).[28][29] Il 17 aprile 1973 il regista, non soddisfatto del lavoro svolto, a detta sua dalla trama troppo complessa, ricreò a modo suo lo svolgimento del film, attingendo in particolar modo al jidaigeki La fortezza nascosta di Akira Kurosawa.[30] Durante un’intervista svoltasi nel suo ranch nel 1977, Lucas spiegò:

«Quando iniziai a scrivere, m’intrigava l’idea di trasformare due robot in esseri umani e di farne i personaggi più interessanti in termini di comicità. Volevo usarli come ossatura attorno alla quale costruire il film. Sapevo di mettermi in un mare di guai.[31]»

Nel 1975, George Lucas pensò che sarebbe stata una buona idea proporre il film (che durante il processo di rifinitura era stato mutato in Star Wars)[27] all’Universal Pictures, lo stesso studio che aveva deciso di finanziare American Graffiti.[32] Il presidente della Decca Records Lew Wasserman, tuttavia, non si mostrò affatto interessato al genere, considerandolo «alquanto strano», mentre Lucas non si mostrò sorpreso del rifiuto dell’Universal, dato che «come i miei film, sono sempre stato ostacolato ed etichettato strano dalle grandi major della New Hollywood».[23][33] Nel 1977, inoltre, spiegò che lo scopo principale di Guerre stellari non era quello di proiettare il mondo in una realtà distopica, ma di creare un connubio perfetto tra il fantasy e azione, molto più vicino ai lavori dei fratelli Grimm che alla concezione comune della fantascienza.[34] Nello stesso anno, il produttore Gary Kurtz aggiunse:

«Il suo obiettivo era quello di mettere in risalto gli aspetti mistici e psicologici dei personaggi, che alla fine sono sempre quelli che assicurano il trionfo del Bene sul Male, come in ogni fiaba.[35][36][37]»

Sulla base di quanto prevedeva il trattamento scritto da Lucas, il budget avrebbe dovuto essere elevatissimo, dati i toni epico-drammatici descritti nel copione, le molte scene d’azione e le battaglie tra i veicoli spaziali.[38] La Lucasfilm partì da un budget iniziale compreso tra gli $8 e i $10 milioni (entrambe cifre ben al di sotto rispetto agli standard di Hollywood), salito poi a $11 milioni per coprire i costi della costruzione dei modellini e pagare le tasse richieste per girare le sequenze del primo atto.[24][39][40] Lucas riuscì a persuadere Alan Ladd, Jr., capo della 20th Century Fox,[41] a fornirgli il benestare per la realizzazione del progetto poiché, come detto dallo stesso Ladd, «mi fidavo di George, ma non mi fidavo del film».[42][43]George Lucas ottenne così un compenso di $150,000 per scrivere e dirigere il film che, ora, per la prima volta, sarebbe diventato realtà.

Regia di George Lucas

Con: Mark Hamill, Harrison Ford e Carrie Fisher

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.