mercoledì, Dicembre 8, 2021
Home > Mondo > L’Isis rivendica gli attentati in Sri Lanka

L’Isis rivendica gli attentati in Sri Lanka

< img src="https://www.la-notizia.net/sri-lanka" alt="sri lanka"

COLOMBO, Sri Lanka – Lo Stato islamico ha rivendicato la responsabilità degli attentati suicidi alle chiese e agli hotel dello Sri Lanka. Il presidente della nazione ha promesso di licenziare alti funzionari che non avrebbero agito pur in presenza di avvertimenti sugli attacchi.

Mentre gli abitanti dello Sri Lanka hanno seppellito i morti della domenica di Pasqua che hanno ucciso più di 350 persone, tra cui 45 bambini, lo Stato islamico ha rilasciato una dichiarazione in cui rivendica gli attentati suicidi. Sarebbe anche stato veicolato un video online che mostra la persona che i funzionari dello Sri Lanka sospettano abbia guidato gli attacchi.

Nel video l’uomo, ritenuto il principale sospettato, Mohammed Zaharan, un predicatore estremista poco conosciuto in Sri Lanka, conduce discepoli mascherati e vestiti di nero che promettono fedeltà allo Stato islamico.

Non vi è alcuna prova che il gruppo estremista abbia fatto qualcosa di più che fornire il proprio sostegno. Ma l’uscita del video tramite l’agenzia di stampa dello Stato islamico, e diffusa attraverso la  rete di chat room online, suggerisce che gli aggressori avrebbero avuto contatti con gli operatori principali del gruppo.

Nella maggior parte dei casi in cui sono emersi video simili, le indagini hanno sempre trovato una comunicazione diretta tra gli aggressori e gli operativi dello Stato Islamico.

Non è chiaro come Zaharan, leader di un gruppo locale noto solo per aver sfigurato statue buddiste, avrebbe potuto organizzare ed eseguire un attacco così devastante e sofisticato. Ma i funzionari indiani hanno detto che lo stavano tenendo sotto controllo dallo scorso anno come sospetto reclutatore online per lo Stato islamico.

Alcuni funzionari dello Sri Lanka hanno ipotizzato che gli attacchi sarebbero stati una rappresaglia per i massacri della moschea in Nuova Zelanda il mese scorso.

Per lo Sri Lanka, che si sta ancora riprendendo da una guerra civile straziante che si è conclusa un decennio fa, il trauma, la rabbia e le recriminazioni dagli attentati suicidi sono aumentati quando è diventato chiaro che alcuni alti funzionari erano al corrente della minaccia.

Le autorità hanno dichiarato che sono stati fermati più di 40 sospetti, tutti dello Sri Lanka. E il primo ministro ha detto che Zaharan, la cui ubicazione era sconosciuta lunedì, potrebbe essere stato uno dei kamikaze.

Nel suo primo discorso nazionale dopo gli attacchi, il presidente Maithripala Sirisena ha cercato di placare le critiche secondo cui sarebbe stato almeno in parte responsabile del fallimento della sicurezza. E ha annunciato che sarebbero stati attuati importanti cambiamenti.

“Devo essere sincero e ammettere che ci sono stati errori da parte dei funzionari della difesa”, ha detto il presidente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net