martedì, Novembre 30, 2021
Home > Italia > Lapsus freudiano di Salvini: il governo durerà 4 mesi… oops volevo dire 4 anni

Lapsus freudiano di Salvini: il governo durerà 4 mesi… oops volevo dire 4 anni

< img src="https://www.la-notizia.net/salvini" alt="salvini"

Lapsus freudiano molto indicativo di Salvini ieri sera ai microfoni dei cronisti che attendevano fuori da Palazzo Chigi notizie sulla salute della maggioranza dopo il Consiglio dei Ministri, che ha dichiarato ai giornalisti “State tranquilli, il governo durerà 4 mesi…. pardon volevo dire 4 anni”.

E stamattina il vicepremier e leader della Lega ha ribadito “Il governo andrà avanti?” “Chiedete agli amici 5 Stelle”. “Mi sono impegnato a non rispondere più alle provocazioni. Lavorerò per l’Italia nei prossimi anni”. In relazione alla norma “salva Roma” Salvini spiega che la Lega “sta ragionando su un piano d’azione per Roma Capitale. Non servono soldi, ma un’amministrazione più efficiente”. Torna sul caso Siri, il sottosegretario leghista indagato:”Si sciacqui la bocca chi accosta la Lega alla mafia”. E aggiunge che il premier Conte non ne ha chiesto le dimissioni.

Salvini ha poi rassicurato escludendo la crisi di governo, che ritiene essere presente solo nella testa di Di Maio.

“Dico agli amici Cinque Stelle: avete difeso la Raggi per due anni quando era sotto inchiesta, quindi cortesemente… due pesi e due misure quando c’è di mezzo la vita delle persone non mi piacciono”.Così il leader della Lega Salvini al leader del M5S Di Maio che ha chiesto dimissioni di Siri indagato.

“Siri non si deve dimettere.C’è solo un’iscrizione nel registro degli indagati e solo se sarà poi condannato dovrà mettersi da parte. Mai chiesto dimissioni di Raggi e altri M5S indagati” “Assurdo che Siri lo abbia letto sui giornali.Lo conosco,lo stimo e non ho alcun dubbio. Peraltro stiamo parlando di qualcosa neanche finito nel Def”.

Risposta pepata anche oggi di Matteo Salvini a Luigi Di Maio come già accaduto quando il capo politico dei 5stelle ha denunciato alleanze in Europa della Lega con la estrema destra della Le Pen e con i presunti negazionisti dell’Olocausto.

Dopo l’euroincontro di Milano con gli alleati sovranisti tedeschi, finnici e danesi il leader della Lega ricorda a Di Maio che contesta la futura alleanza con gli euroscettici di Alternativa per la Germania la circostanza paradossale per cui da anni è proprio il Movimento 5stelle ad essere alleato a Bruxelles con ‘AfD che quindi attualmente non sarebbe considerato negazionista e neonazista come si vorrebbe far credere.

E poi il Ministro del lavoro ha proseguito “Io lavoro, io rispondo col lavoro, con i fatti.Questa gente che va cerando fascisti, comunisti, nazisti, marziani, venusiani… i ministri sono pagati per lavorare. Io sono pagato per mantenere ordine pubblico e sicurezza”.

Il ministro dell’Interno e leader della Lega ha replicato così alle preoccupazioni del vice premier Di Maio per le alleanze con gli altri movimenti sovranisti del Vecchio Continente.