mercoledì, Gennaio 27, 2021
Home > Marche > Ascoli Piceno, l’appello disperato di un padre: “Ho paura per le mie figlie e non posso vederle. Aiutatemi”

Ascoli Piceno, l’appello disperato di un padre: “Ho paura per le mie figlie e non posso vederle. Aiutatemi”

ascoli piceno

ASCOLI PICENO – “Da quanto mi viene riferito, ho paura prendano una brutta strada. Avrei diritto di vederle, ma non mi e’ consentito. Ce la metto tutta per andare avanti, ma non e’ semplice. Non so che cosa fare, mi sento abbandonato”. Con queste parole si e’ rivolto alla nostra redazione un 58enne residente in provincia, separato dalla moglie ma innamorato dei propri figli, un maschio e due femmine. E delle due figlie sembra essere particolarmente preoccupato. “So che vanno male a scuola – ci ha confidato – e che la strada che stanno percorrendo non e’giusta. Cerco di vederle, ma mi e’ reso impossibile. Non so piu’ che cosa fare, oltre che cercare di sopravvivere nelle condizioni disperate in cui mi trovo. Ho bisogno di poter stare accanto ai miei figli”.

Dichiarato invalido civile, con accertamenti ancora in corso per verificare l’eventuale presenza di problematiche che potrebbero rivelarsi ancora piu’ invalidanti, e’ disoccupato, vive in una roulotte e dell’assistenza di alcuni vicini. La separazione dalla moglie e’ ormai divenuta ufficiale e, secondo quanto stabilito dal Tribunale, dovrebbe poter vedere i propri figli dalle 18.00 alle 20.00 tutti i giorni. Ma questo non accade. Invano l’uomo ha allertato nel tempo chi di dovere, sollecitando un intervento. La situazione e’ sempre la stessa.

A seguito delle proprie vicende personali, che lo hanno visto costretto ad allontanarsi dalla famiglia e dai propri figli, l’uomo e’ risultato affetto da sindrome depressiva. Qualcuno dice che si tratta di una “persona strana”, senza voglia di fare. Tuttavia ha sempre dimostrato, e questo lo attestano anche i referti medico-psicologici, un grande attaccamento alla famiglia. Allo stato attuale delle cose, non risulta si sia macchiato di reati pregiudizievoli ne’ tantomento di atti di violenza familiare. Fatto sta che da tempo gli viene impedito di vedere i figli come lui desidera e come stabilito da un giudice.

Non entriamo nel merito della separazione, perche’ quando qualcosa non va e’ sempre da ricercare nel rapporto. Ma i figli sono sempre i figli. Non diamo indicazioni ulteriori sui membri della coppia, residenti in provincia di Ascoli Piceno, solo per un fatto di privacy e di tutela dei figli minori. Ma e’ in nostro possesso tutta la documentazione che attesta sia l’accertata invalidita’ dell’uomo, sia le disposizioni di Tribunale. Nello specifico, nel corso di una delle sue ultime visite, sarebbe stata comprovata la presenza di “una circoscritta ipodensita’ ad aspetto apparentemente liquorale nella porzione postero-superiore del corpo calloso”, che richiederebbe quindi una opportuna valutazione clinica ed una migliore definizione con “approfondimento di indagine mediante RM ed encefalica”. Questo, chiaramente, in relazione all’esito di una TAC cerebrale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *