giovedì, Gennaio 28, 2021
Home > Abruzzo > Vicenda Mercatone Uno, Monica Brandiferri: “Quando il cattivo lavoro uccide la dignità dei lavoratori”

Vicenda Mercatone Uno, Monica Brandiferri: “Quando il cattivo lavoro uccide la dignità dei lavoratori”

< img src="https://www.la-notizia.net/mercatone" alt="mercatone"

Mercatone Uno, riceviamo e pubblichiamo dalla Consigliera di Parità della Provincia di Teramo Monica Brandiferri: 

“Quando la dignità e il rispetto per le persone non hanno più valore, quando nel lavoro, qualsiasi lavoro, vengono a mancare i principi fondamentali di una corretta convivenza civile e si diventa un numero, allora ci si può aspettare una lettera di licenziamento attraverso un sms, su whatsapp o Facebook. Recarsi la mattina a lavoro e trovare il cancello dell’azienda chiuso è a dir poco umiliante.

Questo è l’esempio del cattivo lavoro, di quello che lascia a casa migliaia di lavoratori e lavoratrici e non si preoccupa delle conseguenze, delle singole situazioni famigliari e personali che la perdita del posto di lavoro possono determinare”. Monica Brandiferri si occupa quotidianamente di problematiche relative alle discriminazioni sui luoghi di lavoro, la quale non nasconde amarezza per la drammatica vicenda che ha coinvolto circa 100 lavoratori in tre punti vendita del Mercatone Uno nella nostra Provincia, 1860 su tutto il territorio nazionale.

“Vicenda gestita malissimo – aggiunge la Consigliera di Parità – che si trascinava da anni, e terminata nel peggiore dei modi per i lavoratori, abbandonati e senza neanche la possibilità di usufruire di un piano di ammortizzatori sociali che avrebbero potuto attutire, se pur momentaneamente, la perdita del lavoro.

L’auspicio che tutte le parti coinvolte, sociali, sindacali e politiche,  riescano a recuperare, nel minor tempo possibile, il danno fatto, non solo sul piano economico ma soprattutto umano, e restituire la dignità perduta a tutti i lavoratori, in questa vergognosa vicenda che ha visto, ancora una volta, i principi fondamentali della nostra costituzione (art.1 e art. 4) calpestati, così come la dignità di chi vive per e con il lavoro”. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *