domenica, Settembre 22, 2019
Home > Italia > Il discorso di Conte: ultimo tentativo per evitare il baratro

Il discorso di Conte: ultimo tentativo per evitare il baratro

< img src="https://www.la-notizia.net/conte" alt="conte"

“Oggi alle 18.15 terrò una conferenza stampa a Palazzo Chigi, ho alcune cose importanti da dire a tutti voi. Potrete seguirla in diretta streaming qui sulla mia pagina Facebook”. Con queste parole il premier Giuseppe Conte annuncia il discorso che terrà questa sera a borse chiuse, ad un anno dal suo insediamento a Palazzo Chigi, e che potrebbe costituire un vero e proprio spartiacque. “Basta litigi”, questo sembra dire nel post pubblicato sui social. In effetti la maggioranza di governo sembra essere ormai risucchiata in un vortice di contrasti ed attacchi. Poi c’è la questione Bruxelles. Il clima che si è instaurato preoccupa, e non poco, il Quirinale. Di certo che dopo il voto del 26 maggio qualcosa sarebbe cambiato lo si era intuito fin da subito. Ma ora siamo davvero ad un punto morto. A fare la differenza (se così si può dire) gli ultimi scontri occorsi proprio il giorno della Festa della Repubblica e sull’incidente avvenuto a Venezia.

Nel primo caso è stato  il presidente della Camera Roberto Fico a dare l’assist alle polemiche, quando ha dichiarato “Oggi è la festa di tutti quelli che si trovano sul nostro territorio, è dedicata ai migranti, ai rom, ai sinti, che sono qui ed hanno gli stessi diritti”.

Immediata la replica attraverso i social del ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Io dedico invece la Festa della Repubblica all’Italia e agli Italiani, alle nostre donne e uomini in divisa che, con coraggio e passione, difendono la sicurezza, l’onore e il futuro del nostro Paese e dei nostri figli”.

Ma poi Fico, sui social, ha rincarato la dose: “Sono orgoglioso di onorare e servire la Costituzione Italiana.  La Costituzione su cui hanno giurato tutti i Ministri della Repubblica. La Repubblica che festeggiamo oggi riconosce, garantisce e tutela i diritti fondamentali dell’uomo.  Di ogni uomo.

Costituzione Italiana:

Articolo 2
“La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.”

Articolo 3
“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali […]”.

– Il 2 giugno è la Festa di tutti gli italiani. Non ci devono essere polemiche sterili e strumentali. Nel cielo sventola la bandiera della Repubblica, che significa libertà, democrazia e rispetto di tutte le persone che si trovano sul nostro territorio. La grandezza della Repubblica è nell’appartenere a tutti e la sua Festa va dedicata a tutti gli italiani, e anche a tutti i migranti che si trovano nel nostro Paese, a tutte le comunità, incluse quelle più piccole e più deboli, così come a tutte le vittime dell’Olocausto, agli ebrei, ai rom e ai sinti.

La nostra Repubblica non fa differenze di sesso, razza o opinioni politiche. La sua bandiera sventola per tutti. La Repubblica garantisce i diritti e distribuisce i doveri. E si rafforza e si rinnova ogni giorno con il coraggio, non con la paura”.

Ora Conte vuole dire la sua. E riaffermare probabilmente il proprio ruolo di premier, per avere anche mandato pieno per poter trattare con l’Europa, dopo il maggiore peso assunto dalla figura di Salvini a seguito del voto del 26 maggio. Quello di Conte si prefigura quindi come un discorso netto e anche duro, un ultimo tentativo per evitare il baratro della crisi. Nel frattempo lo Spread Btp/Bund in rialzo, in avvio di scambi sui mercati, dopo la lettera di risposta dell’Italia alla Ue sui conti pubblici, ha sfondato quota 290, per poi flettere a 286.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: