lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Italia > Pantheon: domenica 9 giugno dopo la messa di Pentecoste la pioggia dei petali rossi dall’oculus

Pantheon: domenica 9 giugno dopo la messa di Pentecoste la pioggia dei petali rossi dall’oculus

< img src="https://www.la-notizia.net/pentecoste" alt="pentecoste"
< img src="https://www.la-notizia.net/pentecoste" alt="pentecoste"
La caduta della pioggia di petali rossi dall’oculus del Pantheon la domenica di Pentecoste

ROMA – La domenica di Pentecoste, esattamente cinquanta giorni dopo la Pasqua, che quest’anno ricade domenica prossima, 9 giugno 2019, una pioggia di petali rossi cade sui fedeli dall’oculus del Phanteon (tondeggiante apertura sulla sommità della cupola dell’antico tempio di tutti gli Dei, oggi Basilica di Santa Maria ad Martyres), alla fine della messa della Pentecoste che avrà inizio alle 10.30.

Il rito che in epoca precristiana celebrava la fine del raccolto, nella tradizione cristiana commemora la discesa dello Spirito Santo sulla Madonna e sugli Apostoli raccolti nel cenacolo.

I Vigili del Fuoco, salgono sulla sommità della cupola del Pantheon, a 43 metri d’altezza, e fanno cadere dall’ “oculus”, l’apertura circolare di 9 metri di diametro sulla cima della cupola, migliaia di petali di rose rosse sui fedeli che possono entrare gratuitamente a partire dalle ore 9.00, fino al tutto esaurito degli 800 posti consentiti dal sistema di sicurezza. Per maggiori informazioni, Tel.:: +39 06 68300230 
Maggiori informazioni .
A tal proposito, si può leggere nel sito www.romeguide.it sul l’antico rito:
“La cerimonia, sospesa per lunghi anni, è stata ripristinata nel 1995, ma la tradizione cristiana ha quasi duemila anni: deriva anche dall’antica festa di Pentecoste dei primi cristiani a Roma, quando la rosa rappresentava anche lo Spirito Santo ed era il simbolo del sangue versato dal Crocefisso per la redenzione dell’umanità.
Nella ricorrenza, petali di rose venivano fatti cadere sui fedeli dal lucernaio della cupola dell’antico Pantheon, diventato Santa Maria dei Martiri, a simboleggiare le lingue di fuoco della sapienza”.


Probabilmente tale ricorrenza ha sostituito l’ Ambarvalia, festa per propiziare la fertilità dei campi, celebrata in onore di Cerere.

Cristiano Vignali – La Notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: