giovedì, Ottobre 21, 2021
Home > Italia > Orrore a Ragusa: madre fa prostituire la figlia 13enne

Orrore a Ragusa: madre fa prostituire la figlia 13enne

fondi

RAGUSA – Faceva prostituire la figlia 13enne in cambio di soldi, un tetto, vino, birra. Un 61enne avrebbe addirittura richiesto “l’uso in esclusiva della ragazzina” in cambio di un alloggio al mare. Una situazione di degrado e orrore alla quale ha fortunatamente messo fine la polizia. I clienti di quella che è poco più di una bambina avevano un’età compresa tra i 30 ed i 90 anni. La madre è stata fermata dagli agenti insieme a quattro uomini. Si tratta di braccianti agricoli e di proprietari di piccoli appartamenti sfitti della zona di Ragusa.

L’operazione “Greenhouse” coordinata dalla Procura di Catania, è scattata nell’ambito delle indagini della Squadra mobile che, nel corso di controlli finalizzati al contrasto del caporalato, aveva notato come la 13enne adottasse atteggiamenti non adeguati alla sua età.

Il quadro che di lì a poco si è delineato si è rivelato agghiacciante: la ragazzina aveva abitualmente rapporti sessuali con uomini molto più grandi di lei. Ora gli uomini che hanno avuto rapporti sessuali con la minore dovranno rispondere del reato di violenza sessuale anche se non hanno coartato la piccola fisicamente. Questo perché il legislatore ha voluto proteggere i minori degli anni 14, proprio perché questi non possono autodeterminarsi nel voler consumare un rapporto sessuale non avendo ancora raggiunto quel grado di maturità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net