mercoledì, Dicembre 8, 2021
Home > Italia > Papa Francesco: “Camerino, rialzati!”

Papa Francesco: “Camerino, rialzati!”

< img src="https://www.la-notizia.net/papa" alt="papa"

di Maurizio Verdenelli

“Camerino, rialzati!”. Papa Francesco, oggi, nel cuore del cratere sismico, ha inviato un forte messaggio al Palazzo contro i ritardi della ricostruzione finora mancata. In nome del popolo terremotato lasciato solo, Bergoglio ha tuonato: “Quaggiu’ troppe cose si dimenticano in fretta, Dio non ci lascia nel dimenticatoio”. Ancora: “Ricordiamo quanto valiamo,  di fronte alla tentazione di rattristarci e continuare a rinvangare quel peggio che sembra non aver mai fine. I ricordi brutti arrivano anche quando non li pensiamo, pero’ pagano male”. E l’ arcivescovo Francesco Massara ha incalzato nel suo intervento seguito subito dopo:” Il terremoto ha sventrato le case, ha strappato dal cuore della gente, ogni speranza; infine ha dato vita purtroppo ad un ulteriore terremoto: quello delle promesse”. E rivolto al pontefice: “La sua visita e’ un invito ad alzarci a rimetterci in piedi, a ripartire”.
Con …i due Franceschi si schierano il governatore Luca Ceriscioli (” un messaggio che torna a sottolineare con forza ed autorevolezza l’urgenza di una ricostruzione non piu’ rinviabile”) e il rettore di Unicam: “un chiaro segnale che va contro la strategia strisciante dell’abbandono. E se crolla l’ateneo, ora ad 8.000 iscritti (quota minima per la sopravvivenza : 5.000) e’ finita per l’intero territorio”. Unicam andrebbe spartita da Unimc, Politecnica e Universita’ di Perugia, cosi’ vicine…
Il papa ha visitato, dopo la celebrazione della messa domenicale, la zona rossa e prima ancora il villaggio Sae sulle orme del predecessore Wojtyla che a Cesi il 3 gennaio 2001 prese il the nel container dei coniugi Maria e Celestino Albani.
Poi pranzo con tagliatelle al ragu’, grigliata mista, macedonia e gelato, saluto ai ragazzini della Prima Comunione e ripartenza alle 14.28 in elicottero da una Camerino blindata da 1.500 tra forze dell’ Ordine, vigili urbani, Protezione civile, soldati e cecchini perfino posizionati sulle due torri del duomo di San Venanzio. Alla cui ombra si e’ svolta la maggior parte della visita papale.
In elicottero Bergoglio ha benedetto San Severino Marche e ha annunciato, a fianco mons. Massara, il dono di un centro di comunita’ per Ussita, patria del cardinal Gasparri, padre dei ‘ Patti lateranensi’.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net