mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home > Italia > Gli arresti di Torino per apologia del fascismo fanno infuriare Roberto Fiore

Gli arresti di Torino per apologia del fascismo fanno infuriare Roberto Fiore

< img src="https://www.la-notizia.net/roberto-fiore" alt=roberto fiore"
Gli arresti di Torino per apologia del fascismo fanno infuriare il segretario nazionale di Forza Nuova Roberto Fiore che commenta così i fatti: “I giudici torinesi non sono a conoscenza del fatto che la mafia nigeriana è padrona della loro città. Droga, traffico di organi e prostituzione, a quanto pare, sono nulla in confronto ai gravissimi fatti di cui è accusato Luigi Cortese responsabile piemontese di FN. A casa gli hanno trovato una bandiera con croce celtica, una della Falange spagnola e una delle RSI e lo hanno denunciato per apologia di fascismo. Con grande gioia dell’Anpi che vede così giustificata la sua opera ridicola e delatoria ma attentamente finanziata dallo Stato per milioni all’anno”.
I problemi degli italiani dunque sono ben altri, secondo Roberto Fiore, che individua in questi “attacchi” un ben preciso piano: “Forza Nuova si chiede quanti italiani possono essere denunciati ogni giorno per aver magari elogiato qualche palazzo costruito nel fascismo o una delle tante leggi sociali di quel periodo o essere incriminati e divenire vittime contestualmente dell’odio di certa stampa, in particolare del gruppo Espresso. La verità – chiude Fiore- è che vogliono tornare all’idea che uccidere un fascista non è reato, vogliono far dimenticare come hanno distrutto l’Italia e nel caso dei solerti giudici antifa vogliono far dimenticare lo squallore criminale in cui è piombato il vertice della magistratura italiana”.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *