venerdì, Febbraio 26, 2021
Home > Italia > La stoltezza del vecchio, senza la saggezza dell’anziano, istiga all’odio con il giovane ed il mezzano

La stoltezza del vecchio, senza la saggezza dell’anziano, istiga all’odio con il giovane ed il mezzano

< img src="https://www.la-notizia.net/anziano" alt="anziano"

E’ trascorso il tempo in cui il vecchio stolto veniva curato, mentre l’anziano saggio indicava la strada. Oggi invece ci troviamo ad assistere a circostanze in cui il saggio anziano viene ignorato, mentre il giovane ed il mezzano montano all’odio guidati dal vecchio stolto.

Nomi altisonanti, di chiara notorietà, scrittori e giornalisti che ancor oggi intendono occupare social e prime pagine, confrontandosi e contrapponendosi. Saggi anziani o vecchi stolti?

Con questo non intendiamo aprire a polemiche, evitando a noi, stupidi ignoranti, ogni forma di induzione all’immeritato ragionamento. Intorno ad una specifica frase, di recente, inerente un rosario, e proferita da un uomo che versa ora purtroppo in gravi condizioni, si è scatenato un vero e proprio vespaio.

“Vederlo con il Rosario, mi da il vomito”….. Così disse lo scrittore rinomato, schierato dalla parte opposta dello scenario politico  e per di più con un forte legame ideologico con il fratello dell’attore principale di quelle storie che lo rese famoso e che ad ogni… tempo ci propone.

Risponde l’amico dell’offeso, pur apprezzando le gesta che ha descritto e scongiurando l’ipotetica scomparsa del simpatico avversario.

“L’unica consolazione per la sua eventuale dipartita – avrebbe detto -, è che finalmente non vedremo più in televisione Montalbano, un terrone che ci ha rotto i coglioni almeno quanto il fratello…….”

Guerra, tuonò l’ira funesta del giovane e mezzano, come osa colui che ad un morituro osa dir hai rotto i cojoni? Che venga radiato da ogni dove….. promuovendo una sommossa di firme e … paroloni.

Una guerra si è aperta, parlando e condannando lo sciagurato che irrispettoso della ipotetica dipartita usò due parole tanto vili.

Che strano, ci si ricorda del Rosario soltanto quando è in mano…..

Piuttosto che agire di fioretto, si invoca la giustizia al mortaretto.

Ma…. Il giovane ed il mezzano difendono l’anziano?

O solo per offendere chi al parlamento rappresenta?

Il popolo non conta, e lo sappiamo e debbono tacere coloro che non ci stanno.

La guerra devi fare senza sceglier dove stare, ma andando dove il giovane ed il mezzano ti dicono cosa fare.

E… se sereno vuoi campare…..  loro devi ascoltare.

Ed io che loro non ascolto, ahimè, peste mi colga.

Non è facile esprimere un concetto che non sia allineato al “politicamente corretto”.

Nel paese del tutto ed il contrario di tutto, la stessa Costituzione non riesce più a garantire il pensiero e la libertà dello scrivere, ammesso che prima fosse garantito.

Ettore Lembo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *