sabato, Ottobre 23, 2021
Home > Marche > Furti d’appartamento: dove nelle Marche e in che giorni e orari

Furti d’appartamento: dove nelle Marche e in che giorni e orari

pesaro

Ancona – I furti in appartamento sono uno dei reati più odiosi, che fanno reclamare più sicurezza alle famiglia italiane. Secondo uno studio fatto dal sito www.dataroom di Milena Gabanelli possiamo conoscere precisamente il numero dei furti denunciati nel 2017 che sono, come mostrano tutte le statistiche, in calo rispetto agli anni passati, almeno a livello nazionale.

Ma che dire delle Marche? I dati a disposizioni sono ripartiti per province. Quattro di queste sono sopra la media nazionale. La provincia con il maggior numero di furti in valore assoluto è Pesaro con 440. Viene calcolato anche il rapporto di “famiglie visitate” rispetto alla popolazione: ben l’1.07% del totale delle famiglie ha ricevuto visite dai topi d’appartamento. Si tratta del 41,9% in più rispetto la media nazionale che è dello 0,75%. Alta la percentuale anche a Fermo. I furti sono stati 152 corrispondenti allo 0,96%. Viene poi Ancona con 427 case derubate ovvero lo 0,91 del totale delle famiglie. A Macerata sono stati invece 169 cioè lo 0,88% delle famiglie. Risultato migliore in assoluto è la provincia di Ascoli Piceno dove i furti sono stati 83. Questo significa che sono state colpite solo, ma si fa per dire, lo 0,40% del totale delle famiglie. Un risultato del 47,5% migliore rispetto alla media dell’Italia.

Altri numeri per confrontare il livello di sicurezza. A Pisa le famiglie derubate sono l’1,72%. Segue Modena con l’1,69% e Bergamo con l’1,56%. Chi si sente più tranquilla e la provincia di Cosenza con lo 0,1% e Nuoro con lo 0,5%.

Ma in quali giorni e orari colpiscono i ladri? A livello nazionale i mesi più pericolosi sono marzo, luglio, agosto e dicembre. I giorni sono il venerdì e sabato. Per gli orari almeno nelle grandi città, quello più a rischio va dalla mezzanotte alle quattro. Per quanto ciò che concerne la nazionalità dei ladri, il 52% è italiana e il 62,4% del totale proviene da paesi appartenente all’Unione Europea.

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net